Home > COMUNICATI STAMPA > Imparare giocando: gli alunni della scuola Tumiati pionieri di “Vegetables”, il gioco di carte delle “Olimpiadi” di Londra

Imparare giocando: gli alunni della scuola Tumiati pionieri di “Vegetables”, il gioco di carte delle “Olimpiadi” di Londra

Tempo di lettura: 2 minuti

da: Istituto Comprensivo Perlasca

Giocando s’impara. E VEGEtables è un gioco di carte nuovo e divertente, a cui non si può resistere. Provare per credere.
VEGEtables è l’unico gioco nato in Italia che sia diventato disciplina ufficiale del Mind Sports Olympiad di Londra. L’inventore è il ferrarese Daniele Ferri, che si dichiara affetto da “ludopatia”:
VEGEtables nasce dalla sua passione per i giochi di carte, di quelli “classici” come il Bridge, che “mettono alla prova le capacità di calcolo, di memoria e di analisi della situazione corrente”.
E proprio grazie a queste sue caratteristiche VEGEtables esordisce nelle scuole: gli alunni delle primarie Tumiati e Mosti sono i primi a sperimentare questa avventura tra gioco e apprendimento. Una proposta dell’insegnante Simonetta Travagli, accolta dal preside dell’Istituto Comprensivo Perlasca, Stefano Gargioni, per la sua originalità educativa.
Gli alunni della scuola Tumiati sono i pionieri di VEGEtables: da fine gennaio stanno prendendo confidenza con le “strane” carte, suddivise per colore e raffiguranti vari tipi di verdure, come suggerisce il termine inglese “vegetables”. Ed ecco come bambini dai sette ai dieci anni – dopo due soli incontri di un’ora a scuola – si sono già appassionati a giocare con il “pozzo”, il “campo”, il “terreno”. I piccoli giocatori potranno poi mettersi alla prova nel torneo ospitato il prossimo 27 febbraio (dalle 14.30-18) alla Fiera di Ferrara, in occasione della manifestazione intitolata “Liberamente”. Ad aprile il progetto coinvolgerà invece due classi della scuola Mosti.
VEGEtables è un gioco strategico: i ragazzi devono capire le meccaniche di blocco, valutare la “forza” (o la “debolezza”) delle carte ricevute e osservare attentamente come giocheranno gli avversari, così da impostare la propria partita con un approccio strategico molto analogo agli scacchi, ma più semplice. Questo gioco stimola quindi i ragazzi a concentrarsi: non è possibile giocare a caso, ma occorre cercare la strategia vincente partita dopo partita.
Più delle illustrazioni sulle carte, ciò che contano sono i numeri: le sequenze che allenano il calcolo aritmetico. Un modo di apprendere di notevole valore educativo: i bambini affinano abilità e imparano senza “accorgersene”. E soprattutto divertendosi.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi