25 Marzo 2016

In-Grid, la musica del cuore

William Molducci

Tempo di lettura: 5 minuti

Si chiama Ingrid Alberini ma è conosciuta come In-Grid, le sue canzoni hanno scalato i vertici delle classifiche di vendita in Francia, Austria, Svizzera, Svezia, Australia, Messico, Polonia, Ucraina, Grecia, Repubblica Ceca, Romania, Germania, Russia e più volte nella prestigiosa Billboard statunitense (dance radio air play, dance club song, album chart e song). Il suo repertorio comprende i grandi classici della musica francese e un’originale genere dance, che miscela elettronica e strumenti folk.

Schermata 2016-03-24 alle 16.06.57
Cover dell’album “Voilà”

 

In-Grid, originaria di Guastalla, ha iniziato a cantare nei locali dell’Emilia, dove fu notata da Larry Pignagnoli e Marco Soncini, che le produssero “Tu es foutu” (2002), in cui la fisarmonica scandiva un ritmo inusuale in chiave dance. Il brano diventò un successo internazionale, dominando le classifiche di vendita e airplay. Il testo, scritto da Ingrid, ironizza su certe promesse che si fanno in amore: “Mi hai promesso il cavallo alato che non ho mai avuto, mi hai promesso il filo d’Arianna ma l’hai tagliato, mi hai promesso le note di Mozart, non il rumore dei piatti rotti, mi hai promesso che sarei stata la tua regina e ho avuto una scopa come scettro…”. Negli Stati Uniti il successo del brano fu tale da essere inserito nel format “Queer Eye For The Straight Guy”, trasmesso in Italia con il titolo di “I fantastici cinque”.

Nel 2003, In-Grid ha pubblicato l’album “Rendez vous”, con hit quali “Shock”, “Ah, l’amour, l’amour”, “Je ne crois pas” e la ritmatissima “In-Tango”. Il disco ha rivelato con forza il talento di In-Grid, grazie a una vocalità resa ancora più convincente dalla lingua francese, esaltata dal ritmo dance e da strumenti classici quali chitarra acustica, violino e fisarmonica. Questa formula, pur nella sua semplicità, ha creato un mix originale che ben si adatta alla cantate emiliana.

In pochi anni, dal 2003 al 2011, Ingrid ha realizzato 5 album, ognuno basato su di un diverso genere musicale, dalla dance allo swing, dai classici francesi al burlesque, senza contare le versioni jazz mixate dai Réseau.

Nel 2004 esce “La vie en rose”, il progetto più impegnativo per la cantate italiana, che esegue brani di Georges Moustaki (Milord), Edith Piaf, Francis Lay (Un homme et une famme), Jacques Prevert (Les feuilles mortes), Gilbert Becaud (Et maintenant), Jaques Brel (Ne me quitte pas), sino a “Les champ Elysees” di Pierre Delanoe, quest’ultima non senza una punta d’ironia, quasi a stemperare la seriosità del repertorio. L’album rivela un’artista diversa, matura e intensa, che affronta i grandi classici sicura dei suoi mezzi; “Et maintenant” cattura l’attenzione e la tromba di Massimo Greco affascina; “La vie en rose” è da applausi.

In-Grid in... Swing
In-Grid in… Swing

“Voilà”, il suo terzo album, è stato pubblicato in Europa, Australia e Nuova Zelanda. Non era facile ripetere il successo dei due precedenti lavori, soprattutto trattandosi di brani originali, “Mama Mia” fu il singolo di successo, un indovinato ritorno alla fisarmonica-dance, anche se l’effetto sorpresa era oramai svanito. La produzione è di buon livello e non manca qualche sorpresa (Jamais eu), lodevole il tentativo di esplorare la vocalità di In-Grid con la lingua inglese e il reggae.

Passano cinque anni prima di riascoltarla in “Passion”, un album camaleontico dove In-Grid si rinnova, come in “Vive le swing” (la versione club, raggiunse il primo posto nella classifica mondiale di DJ Tunes) e “C’est l’amour”, con arrangiamenti pop, meno melodici rispetto al passato, una terza via già esplorata nel lavoro precedente, qui più ripulita e con i toni quasi burlesque di “Papilonne sur moi”.

Nel 2011, pubblica “Lounge musique” un album con “L’été indien” (il brano scritto da Toto Cutugno e portato al successo da Joe Dassin), il remix di “Papillone sur moi”, la bellissima “Ange ou diable”, “Etienne”, e una serie di pezzi che si collocano tra passato e futuro, un processo artistico difficile, necessario, vincente.

Copertina di Lounge Musique
Copertina di Lounge Musique

In occasione della pubblicazione del CD “Tu es Foutu 2K12”, con 10 remix dell’omonimo brano, In-Grid collabora con i Réseau per le versioni “Original Jazz Mix” e “ Chill House Mix”, realizzando in seguito il singolo “Kiki Swing/Kiki La Belle” (2015). Il testo della canzone descrive una figura femminile magica, una “silhouette d’amour”, dalle movenze armoniose. Il brano è impreziosito dagli interventi solistici di un ispirato Fabrizio Bosso, jazzista e talento di fama internazionale.

Ingrid su Billboard: http://www.billboard.com/search/site/in-grid

In-Grid – “Tu es foutu” – Video:

https://www.youtube.com/watch?v=eEjmsj62jP0



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

William Molducci

È nato a Forlì, da oltre 25 anni si occupa di giornalismo, musica e cinema. Il suo film “Change” ha vinto il Gabbiano d’argento al Film Festival di Bellaria nel 1986. Le sue opere sono state selezionate in oltre 50 festival in tutto il mondo, tra cui il Torino Film Festival e PS 122 Festival New York. Ha fatto parte delle giurie dei premi internazionali di computer graphic: Pixel Art Expò di Roma e Immaginando di Grosseto e delle selezioni dei cortometraggi per il Sedicicorto International Film Festival di Forlì. Scrive sul Blog “Contatto Diretto” e sulla rivista americana “L’italo-Americano”.
William Molducci

Ti potrebbe interessare:

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Walden – Andare per boschi

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi