COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Inferno il 23 luglio al festival Giardino d’Estate

Inferno il 23 luglio al festival Giardino d’Estate

Tempo di lettura: 3 minuti

da: organizzatori

I.N.F.E.R.N.O.: l’happening teatrale organizzato da Basso Profilo nella serata di giovedì 23 luglio presso il parco Giordano Bruno a Ferrara, all’interno della manifestazione Giardino d’Estate.

Si terrà nella serata di giovedì 23 luglio a Ferrara, presso il parco Giordano Bruno, l’happening teatrale I.N.F.E.R.N.O. – estratto dall’omonimo spettacolo itinerante presentato per la prima volta alla cittadinanza il 17 giugno. La performance, organizzata all’interno della manifestazione Giardino d’Estate, coinvolgerà gli abitanti del quartiere e gli ospiti del festival in una potente e suggestiva rappresentazione all’aperto, popolata di personaggi onirici e inquietanti, alberi parlanti, creature eterne ed ultraterrene, divinità psicopompe come Caronte, autori classici come Virgilio e Dante.
I.N.F.E.R.N.O. – acronimo di Invasione Notturna Frivola e Ruggente Non Ostile- è liberamente ispirato all’opera di Peter Weiss, “Inferno”, testo teatrale che racconta di fughe da situazioni ostili e di sgradevoli ritorni in patria, in cui emergono fortemente la tensione etica e il carattere di denuncia del drammaturgo tedesco – esiliato a Londra durante la seconda guerra mondiale.
Nato dall’associazione Basso Profilo nell’ambito del progetto Succede Qui, lo spettacolo è il risultato di un duplice percorso: un laboratorio teatrale site-specific a cadenza settimanale – condotto da due anni da Davide Della Chiara e Natasha Czertok presso lo spazio Wunderkammer, in collaborazione con la cooperativa Teatro Nucleo – e un percorso di narrazione partecipata che ha coinvolto la scuola primaria Poledrelli, diverse associazioni del territorio, come il comitato Zona Stadio e il centro sociale Acquedotto, e tanti cittadini.
Nello sviluppo drammaturgico, strettamente correlato agli spazi urbani, si innestano immagini nate da riflessioni condivise con gli abitanti e con gli stessi partecipanti del laboratorio teatrale, che hanno contribuito attivamente alla realizzazione del percorso partecipato e alla costruzione della messa in scena, dalle scenografie ai costumi, all’elaborazione grafica della locandina.
La finalità di Succede Qui è quella di includere nella formazione attoriale un’attenzione al territorio circostante, una sensibilità rispetto all’ambiente in cui il teatro opera. Come per la costruzione di uno spettacolo tradizionale viene studiato lo spazio e la scenografia nella quale è inserita l’azione, così quando si intende lavorare nello spazio urbano è fondamentale esplorare e conoscere il patrimonio architettonico e le risorse offerte dal territorio in cui si attuerà la rappresentazione.
La prima edizione di Succede Qui ha vinto il bando “Giovani per il territorio” promosso dall’Istituto Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna e dal Comune di Ferrara nel 2014, e ha portato alla presentazione dello spettacolo a episodi “Storia di una giocatrice che ritrovò l’anima”.
Il progetto – realizzato nell’ambito del programma di ricerca Rigenerazione Urbana, con il contributo della Regione Emilia-Romagna e il patrocinio del Comune di Ferrara – ha potuto proseguire nel 2015 anche grazie al sostegno della Fondazione Teatro Comunale.
Di seguito l’elenco degli attori: Sara Draghi, Massimo Festi, Elisa Galeati, Daniele Giuliani , Lorenzo Magnani, Isotta Monti, Martina Pagliucoli, Manuela Santini, Alessio Soffritti, Giulia Tiozzo, Carlo Verano, Sabina Zanquoghi
Per informazioni succedequi@gmail.com.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi