Home > IL QUOTIDIANO > INSOLITE VISIONI
Il microcosmo dietro “La smorfia”

INSOLITE VISIONI
Il microcosmo dietro “La smorfia”

“La Smorfia” è il titolo del fortunato cortometraggio del regista di origini napoletane Emanuele Palamara, premiato all’IndieFest Global Award di La Jolla, nella contea di San Diego in California, con il prestigioso Award of Excellence – Special Mention. Il premio “americano” si aggiunge agli altri riconoscimenti ottenuti in Italia e in paesi quali Spagna, Russia, Marocco, Svezia, Egitto, Romania e Turchia.

Emanuele Palamara

Emanuele Palamara

Le selezioni dell’IndieFest Award hanno un valore di altissimo livello, grazie alla partecipazione di autori provenienti da tutte le parti del mondo. Uno degli obiettivi della manifestazione è di promuovere i film-maker e farli conoscere a un vasto pubblico.
All’ultima edizione del festival californiano, svoltasi nell’ottobre 2015, sono stati selezionati numerosi cortometraggi, ma soltanto tre hanno ottenuto l’Award of Excellence. Oltre a “La Smorfia” (“The Smirk” per il circuito internazionale), sono stati premiati “The Lake” del canadese Micheal Buie e “Gemini” del regista inglese Bobbie Hogdson. Altri riconoscimenti sono stati assegnati a lungometraggi e serie web. Una delle tante curiosità riguarda il trofeo dell’IndieFest, una bellissima statuetta realizzata dalla stessa società che produce gli Oscar e i premi Emmy, un buon auspicio per il giovane regista italiano.

La locandina de La smorfia

La locandina de La smorfia

Il film ha partecipato all’International Rome Independent Film Festival 2015, da allora è stato selezionato in più di 50 rassegne cinematografiche in tutto il mondo, ottenendo 40 tra premi e menzioni. La prima al Riff è avvenuta al The Space – Cinema Moderno, alla presenza del regista e di parte del cast, che con passione ha partecipato al progetto, raccogliendo, nella serata della proiezione, gli applausi degli spettatori.
Palamara, dopo gli studi umanistici alla facoltà di lettere e filosofia dell’Università “La Sapienza” di Roma, ha iniziato la sua esperienza nel cinema come aiuto di produzione per spot e cortometraggi, lavorando come assistente alla regia di Maria Sole Tognazzi, Matteo Rovere, Susanna Nicchiarelli, Matteo Garrone, Stefano Sollima e Francesca Comencini. “La Smorfia”, la cui sceneggiatura è ispirata a una storia vera, è il suo secondo cortometraggio. Quest’anno è in uscita il nuovo film, intitolato “Uomo in mare”, che vede un inaspettato Marco D’Amore, spietato boss in “Gomorra”, vestire i panni di un ex testimone di giustizia.
La trama de “La smorfia” è incentrata sul personaggio di Carmine, un anziano cantante interpretato da Gianfelice Imparato, cui un ictus ha storpiato il viso con una terribile smorfia, costringendolo a rimanere bloccato su una sedia a rotelle. Il suo sogno è di tornare ad ogni costo nel teatro dove è stato consacrato come il grande erede della canzone napoletana. L’ostacolo più grande da superare, però, è rappresentato dalla sorella Nina, che ha il volto dell’attrice Marina Piscopo.

Gianfelice Imparato e Emanuele Palamara durante le riprese

Gianfelice Imparato e Emanuele Palamara durante le riprese

Il film è ambientato in un appartamento tra i vicoli di Napoli, dove il cantante vive le giornate isolato dal mondo, nella speranza che qualcuno si ricordi ancora di lui. Occasionalmente giungono richieste di autografi e interviste, ma la sorella respinge ogni tipo di contatto. Quello di Nina è un ruolo chiave, la sua apparente durezza nasconde l’affetto per il fratello e un forte senso di protezione, per fare in modo che il pubblico si ricordi del grande maestro e non conosca le sue precarie condizioni fisiche.
L’uomo, per superare l’ostacolo che lo separa dal mondo esterno, progetta di uccidere la sorella ma i tentativi, anche se soltanto immaginati, falliscono a causa dell’infermità e dal naturale affetto che lo lega alla donna. Il vecchio artista riesce comunque a fuggire da casa, trascinandosi sino a quello che era il Teatro Garibaldi, il luogo che lo vide protagonista, trasformato in una sala Bingo. Carmine si rende conto che il passato non può più tornare e comincia ad apprezzare l’affetto che gli porta la sorella, disposta a pagare il ragazzo delle consegne a domicilio perché insista nel chiedergli l’autografo. In soli quindici minuti il regista descrive una storia complessa e caratterizza bene i personaggi, rivelando doti di sintesi cinematografica e narrativa.

Un dietro le quinte

Un dietro le quinte

Il film è stato proiettato alla New York University, nell’ambito della selezione “Schermo NapoliWinners”, in occasione della XII edizione di 41° Parallelo, la rassegna svoltasi tra novembre e dicembre 2015. La manifestazione rappresenta un ponte tra le due grandi città di Napoli e New York, un’ottima occasione per fare conoscere i nostri talenti a un pubblico americano di studenti, appassionati e addetti ai lavori.

Guarda il trailer ufficiale de “La Smorfia”

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA FOTONOTIZIA
Ferrara Film Corto: impegno e professionalità in tre premi e cinque targhe
Quell’attimo prima, quando non è più possibile tornare indietro. Omaggio a Ermanno Olmi
INSOLITE VISIONI
‘Versi di luce 2017’, il cinema dei poeti dalla Sicilia al mondo
INSOLITE VISIONI
“L’appuntamento”, il cortometraggio di Gianpiero Alicchio ora su YouTube in versione integrale

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi