3 Ottobre 2015

INTERNAZIONALE
L’ombra della realpolitik da Srebrenica alla Siria

Federica Pezzoli

Tempo di lettura: 4 minuti

Srebrenica

Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e persino le Nazioni Unite, in nome della realpolitik hanno scelto di sacrificare Srebrenica pur di raggiungere un accordo con i serbi, puntualmente stipulato dopo il massacro di luglio: a novembre del 1995 a Dayton in Ohio e poi inl dicembre a Parigi con i trattati che hanno posto fine a tre anni e mezzo di guerra in Bosnia. Le vite dei profughi bosniaci rifugiatisi nella ‘zona protetta’ dell’Onu sono state considerate “vite disponibili”, è stato “il fallimento grottesco di quella che si fa chiamare comunità internazionale”: le parole di Ed Vulliamy sferzano il pubblico che ha riempito il teatro comunale Claudio Abbado per “Srebrenica, vent’anni dopo”. Vulliamy scrive per “The Observer” e “The Guardian”, a quel tempo era inviato nei Balcani ed è autore di “The war is dead, long live the war: Bosnia – the reckoning” (Vintage 2013). Lo scorso luglio ha firmato, insieme a Florence Hartmann (autrice di “Il sangue della realpolitik, il caso Srebrenica”), un articolo dal titolo “How Britain and the Us decided to abandon Srebrenica to its fate”: lo studio di alcuni documenti declassificati rivelerebbe che la caduta di Srebrenica era parte di una politica di Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti e dei vertici Onu per la ricerca di una pace a ogni costo. “Una pace molto complicata e allo stesso tempo semplice: una pace basata su Srebrenica, che ha rappresentato l’inizio della fine della guerra”, afferma Vulliamy.
Ennio Remondino, allora corrispondente della Rai a Sarajevo, rincara la dose: “Per viltà politica si è scelto di far decidere alla guerra la nuova geografia della regione”.
Tra l’11 e il 13 luglio 1995 i serbo-bosniaci di Ratko Mladic, ‘il macellaio di Srebrenica’, dopo averli separati da donne, bambini e anziani, uccidono e gettano in fosse comuni più di ottomila uomini e ragazzi bosniaci musulmani. Pulizia etnica, il più grave crimine commesso in territorio europeo dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Remondino racconta che, quando diversi giorni dopo riuscirono a giungere sul posto con una troupe, “non si vedeva nulla tranne la distruzione totale della città: c’era la percezione della morte, si sentiva l’odore della morte, ma non si poteva immaginare l’entità del massacro”.
Chi invece ha vissuto quei giorni terribili dall’interno della città è Christine Schmitz, infermiera di Medici senza frontiere che nel 1995 ha coordinato le attività a Srebrenica della Ong e ha testimoniato nei processi contro Ratko Mladic e Radovan Karadzic, imputati di genocidio al Tribunale dell’Aja per la ex Jugoslavia.
“Fame, violenza, senso di impotenza” sono le parole che ha usato Christine per descrivere la situazione della ‘zona protetta’ prima della conquista da parte dei serbo-bosniaci: “Vigeva la legge del più forte” e “la popolazione dipendeva dagli aiuti umanitari, che a volte non arrivavano per diversi mesi”. Poi la capitolazione: “il bombardamento è iniziato il 6 luglio, la mattina presto, ed è finito solo l’11, abbiamo tentato di incrementare i contatti con la nostra squadra di Belgrado per continuare a far uscire informazioni”. Infine le parole più terribili, quelle che il mondo non avrebbe più dovuto udire: “selezione” e “deportazione”. Anziani, donne, bambini selezionati e deportati su bus, senza sapere dove fossero diretti e senza sapere quale sarebbe stato il destino dei mariti, fratelli, figli, padri. Per Christine Srebrenica è “un giovane padre musulmano che mi viene incontro con in braccio il suo bambino di un anno, seguito da un soldato con un pastore tedesco. Mi ha dato suo figlio e non ho più saputo nulla di lui. Lo hanno ritrovato in una fossa comune”.
Gli organismi internazionali, le possibilità e i limiti dei loro interventi, la politica estera europea, la realpolitik delle potenze mondiali e la tragedia delle popolazioni civili travolte dai conflitti: questioni aperte allora come ora. Vent’anni fa con la guerra nei Balcani, oggi con la Siria.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Federica Pezzoli

Federica Pezzoli

Ti potrebbe interessare:

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

  • Gli azzeccagarbugli servi dei padroni dell’energia

  • conchiglie mare sabbia

    PRESTO DI MATTINA
    Il pellegrino e la conchiglia

  • CHI TOCCA UNA TOCCA TUTTE

  • CI SIAMO ANCHE NOI …
    Save The Park, dove migliaia di uccelli hanno la loro casa

  • Cos’è la destra, cos’è la sinistra
    Il boomer, il ragazzo e il bambino senza memoria

  • coccia di morto, spiaggia

    Diario di un agosto popolare
    5. Coccia di Morto

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi