Home > IL QUOTIDIANO > INTERVENTI
La collezione di Vittorio Sgarbi per resuscitare Ferrara città morta d’arte e cultura

INTERVENTI
La collezione di Vittorio Sgarbi per resuscitare Ferrara città morta d’arte e cultura

Vittorio-Sgarbi

di Federico Di Bisceglie

Certamente il critico d’arte Ferrarese Vittorio Sgarbi, non è universalmente noto per la sua pacatezza, ne tantomeno per le parole e le espressioni gentili con le quali si rivolge a chi si oppone alle sue idee. In linea di massima l’opinione pubblica lo condanna per i suoi comportamenti e per le sue idee, molto spesso positive, ma possono risultare talvolta avventate e non di facile realizzazione. La città che gli ha dato i natali, l’ha sempre in un certo senso “tollerato”, ma mai amato, anzi spesso è stato oggetto di polemiche.
In questi giorni, a seguito del grande successo che sta avendo la sua mostra a Osimo “Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi” – 6000 visitatori dall’apertura della mostra – il critico d’arte ha proposto di accogliere a Ferrara le opere della fondazione che porta il suo nome e quello della madre, per la precisione a Palazzo Prosperi-Sacrati. A onor del vero la proposta è stata suggerita allo storico dal Ministro della cultura, il conterraneo Dario Franceschini, almeno stando alle dichiarazioni di Sgarbi. La scelta del luogo nel quale istituire il museo ospitante la collezione Cavallini-Sgarbi è stata operata dal critico presumibilmente poiché, da grande amante dell’arte e della cultura, vedendo le condizioni disastrose nelle quali versa il palazzo, ha ritenuto opportuno unire due obiettivi per ottenere un grande risultato: il restauro di un palazzo meraviglioso e la conseguente creazione di un museo. Purtroppo in questi casi, l’invidia, l’arroganza e i rancori nascosti da tempo, ma che all’occorrenza ritornano, giocano un ruolo fondamentale, e danno adito a incomprensioni e malintesi che molto spesso non avrebbero nemmeno senso di esistere. A scagliarsi contro il professor Sgarbi sono stati due figure di spicco dell’ambiente culturale ferrarese: Ranieri Varese, storico dell’arte ed ex direttore dei musei civici, e il vicesindaco e assessore alla cultura Massimo Maisto.
Varese ha obiettato il fatto, forse con un fondo di verità, che il restauro del palazzo sarebbe troppo oneroso; inoltre ha affermato, qui esponendosi in maniera evidentemente critica, che non sarebbe opportuno creare un museo stabile unicamente per ospitare le opere della fondazione Cavallini-Sgarbi. Il vicesindaco rimprovera lo storico dell’arte Sgarbi definire “morta” la città di Ferrara, mettendone addirittura in discussione la preparazione culturale. Fortunatamente a tacitare le acque è intervenuto il sindaco Tiziano Tagliani, che attraverso la grande diplomazia che lo contraddistingue, ha dichiarato che prenderà seriamente in considerazione l’ipotesi di ospitare a Ferrara la mostra e di vagliare progetti futuri in relazione alle opere attualmente a Osimo; tra l’altro sostenuto in questa posizione dal dirigente della Camera di Commercio di Ferrara, anch’egli favorevole alla seria valutazione dell’ipotesi presentata da Sgarbi.
Non è la prima volta che a Sgarbi viene negato ‘l’accesso’ alla città, sebbene il suo continuo e assiduo lavoro sia di spessore culturale elevatissimo e sia molto spesso volto alla valorizzazione del patrimonio artistico, in particolare degli autori erroneamente definiti “minori”. Basti pensare ai suoi interventi settimanali sull’inserto del Corriere della Sera, “Sette”. Come ha già sottolineato il sindaco Tagliani, i “no” aprioristici non hanno alcun senso e non portano a nessun risultato, ma questo episodio, in caso ce ne fosse bisogno, è un lampante esempio di chiusura mentale tipica di questa città (con le dovute eccezioni), e di conseguenza dell’amministrazione, poichè ancora non si è entrati nell’ottica di concepire il patrimonio artistico e culturale come tesoro, da sfruttare e da valorizzare, anche e direi soprattutto ai fini economici, perché ‘l’industria dell’arte’ è l’unica autentica ricchezza che l’Italia possiede.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
DIARIO IN PUBBLICO
Cambio di mano. Di fronte al nuovo
DIARIO IN PUBBLICO
Sarà…
ARTE
Quell’influencer di Boldini: la nuova mostra a Palazzo dei Diamanti
DIARIO IN PUBBLICO
Cronache e riflessioni a margine di Sanremo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi