COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Intervista mons. Perego a “La Voce”: missione, giovani, politica e città

Intervista mons. Perego a “La Voce”: missione, giovani, politica e città

Da: Redazione “La Voce di Ferrara-Comacchio”

Le unità pastorali, i laici e la missione, le chiese chiuse dal sisma, i giovani, la politica e il futuro del nostro territorio. Le proprie parole strumentalizzate e alcune amarezze ma soprattutto i tanti progetti per l’avvenire della Chiesa locale.

In una lunga intervista sull’edizione de “la Voce di Ferrara-Comacchio” del 13 settembre 2019, mons. Gian Carlo Perego fa il punto della situazione a più di due anni dal suo insediamento alla guida della nostra Arcidiocesi e all’inizio di un nuovo anno pastorale. “Più attenzione alla vita comunitaria”, è il suo richiamo a parrocchie, unità pastorali e vicariati, per porre al centro il “discernimento e l’elaborazione condivisa”, all’insegna della sinodalità.

Tre sono le parole chiavi nelle sue parole: “missione”, “incontro” e “poveri”. E’ necessario dunque “allargare la responsabilità e la corresponsabilità – ci spiega -, creare occasioni di dialogo, uscire da forme superbe di dogmatismo e di giudizio”: “la missione – sono ancora sue parole – chiede di superare l’abitudinarietà, la ripetitività; chiede ascolto e confronto; chiede il coraggio della proposta”.

Fra gli altri temi trattati, quello delle chiese ancora chiuse dal sisma del 2012: la speranza del Vescovo è “che le risorse messe a disposizione dallo Stato attraverso la Regione e, nel caso della Cattedrale, anche dal Mibact, possano superare i rallentamenti burocratici, che comprendiamo in alcuni casi anche necessari, per velocizzare i tempi della riapertura di beni che sono importanti non solo per la comunità cristiana, ma anche per lo sviluppo economico e culturale, turistico della città”.

Altre riflessioni riguardano i giovani (“una città della cultura, qual è Ferrara, non può che attrarre i giovani e per questo occorre dare largo spazio alle iniziative artistiche, musicali e culturali in genere”), e la politica: dato che “in politica si sta tornando al corporativismo”, “per formare alla politica, serve che alcuni luoghi associativi, le stesse parrocchie, diventino ‘laboratori’ in cui il dialogo, il confronto, le esperienze facciano crescere le persone con ‘l’interesse’ – come diceva don Milani – per il bene comune, con la passione per gli altri”.

In attesa della nuova Lettera Pastorale, disponibile a breve, dove alcune di queste riflessioni verranno ulteriormente sviluppate.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi