COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Investimenti in sanità, via libera al piano da 80 milioni. Dagli ospedali alle nuove apparecchiature, gli interventi nei territori

Investimenti in sanità, via libera al piano da 80 milioni. Dagli ospedali alle nuove apparecchiature, gli interventi nei territori

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Il sì definitivo dell’Assemblea legislativa. L’assessore Venturi: “Ora serve rapidità, da parte delle nostre Aziende, per spendere presto e bene le risorse disponibili”.

Bologna – La sanità dell’Emilia-Romagna da oggi può contare su un pacchetto di oltre 80 milioni di euro per rendere più moderni e funzionali ospedali e strutture sanitarie, per realizzare nuove Case della Salute, per rendere disponibili nuove apparecchiature diagnostiche e per adeguare le strutture alle norme sulla sicurezza.

“Un grande investimento per le strutture sanitarie di questa regione”, commenta l’assessore alle Politiche per la salute, Sergio Venturi, dopo l’approvazione a maggioranza da parte dell’Assemblea legislativa del Programma di investimenti straordinari in sanità (in termini tecnici “Addendum”, perché si aggiunge e completa l’Accordo sottoscritto nel 2013 tra la Regione Emilia-Romagna e il ministero della Salute). “Siamo stati tra i primi, come Regione, a poter accedere alle risorse del Governo perché abbiamo preparato rapidamente i documenti necessari da sottoporre al ministero. Ora- conclude Venturi- serve velocità da parte delle nostre Aziende per spendere queste risorse presto e bene”.

Il piano mette a disposizione 80 milioni 638 mila euro, di cui 75 milioni 641 mila sono fondi statali, 3 milioni 981 mila fondi regionali e 1 milione e 16 mila fondi messi a disposizione dalle Aziende sanitarie. Le risorse andranno a finanziare 25 interventi, già in fase di progettazione, in tutte le Aziende sanitarie dell’Emilia-Romagna.
A questi fondi, si aggiungeranno altri 7 milioni e 50 mila euro (di cui 6 milioni 698 mila dallo Stato e 352 mila euro dalla Regione) per realizzare in quattro strutture ospedaliere (Policlinico di Modena, ospedali di Vignola e Pavullo e l’ospedale Maggiore di Parma) interventi di adeguamento alle norme antincendio. In totale i nuovi investimenti in sanità ammontano quindi a 87 milioni e 688 mila euro; 28 gli interventi finanziati.

Per quanto riguarda in dettaglio la destinazione dei fondi, la metà delle risorse vanno alla realizzazione del Mire (il padiglione dedicato a maternità e infanzia dell’Ospedale di Reggio Emilia), al Polo materno-infantile del Sant’Orsola di Bologna e alla ristrutturazione dei blocchi operatori negli ospedali della Romagna (Ravenna, Forlì, Cesena, Rimini). Tra gli altri interventi previsti, la costruzione di tre Case della Salute a Fornovo val di Taro (Parma, 800 mila euro), Casalgrande e Castelnovo di Sotto (Reggio Emilia, rispettivamente 1,1 e 1,3 milioni). Nell’Ospedale di Bentivoglio (Bologna) verrà realizzato un edificio per il Pronto soccorso (3,4 milioni) e nell’Ospedale di Parma un nuovo Day-Hospital onco-ematologico (5 milioni). Interventi strutturali e sugli impianti riguardano l’ospedale di Mirandola (Modena, 2 milioni). Per l’ospedale di Ferrara verrà acquistata una ulteriore risonanza magnetica (1,6 milioni). Complessivamente per il rinnovamento delle tecnologie biomediche il finanziamento è di 17 milioni di euro e riguarda, oltre a Ferrara, anche l’ospedale di Piacenza, l’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, l’Azienda Usl di Bologna, gli ospedali della Romagna, l’Azienda Usl e il Policlinico di Modena.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi