Home > COMUNICATI STAMPA > Ipotesi parcheggio funzionale alle scuole, dove sorgeva la vecchia palestra del liceo

Ipotesi parcheggio funzionale alle scuole, dove sorgeva la vecchia palestra del liceo

Da: Ufficio Stampa
BONDENO (FERRARA), 24-04-2019.
Spunta l’ipotesi di creare un parcheggio, funzionale alle attività della scuola e dell’impianto sportivo ad essa collegato, dove un tempo si trovava la vecchia palestra del “liceo”. Abbattuta, quest’ultima, a seguito dei danni riportati nel sisma del 2012. Ebbene, mentre l’impianto è stato ricostruito con risorse commissariali nel centro Bihac (il PalaBonini; ndr) l’area dove si trovava la palestra di via Manzoni è ora una “spianata”, in attesa di riutilizzo. «Esistono alcune ipotesi per rivitalizzare questo spazio del centro – dicono il sindaco Fabio Bergamini e l’assessore ai lavori pubblici, Marco Vincenzi – che ha perduto una funzione dopo l’abbattimento della palestra. I cittadini ci hanno segnalato più volte come, in occasione di eventi riguardanti l’attività del centro studi superiore “Carducci” (che ospita il liceo scientifico e l’Ipssc; ndr) e di attività sportive nella palestra piccola della scuola, rimessa a nuovo di recente, si assiste lungo via Manzoni e via Giordano Bruno ad una sorta di parcheggio “selvaggio”. Il quale risulta di ostacolo alla circolazione stradale e anche ai residenti». Nasce così la prima ipotesi di riconversione dell’area. La quale potrebbe diventare uno spazio di sosta. «L’idea di creare qui un parcheggio – sostiene l’amministrazione – è fondata sul convincimento di molti cittadini che questa potrebbe rappresentare una soluzione alle criticità dell’area. Inoltre, potrebbe creare un servizio in più, proprio in funzione della scuola e dell’impianto sportivo». La vecchia palestra che sorgeva sull’area, ora completamente spianata, è stata abbattuta tra gli ultimi giorni del 2012 e la fine di gennaio del 2013. Nei giorni antecedenti all’abbattimento, i vigili del fuoco volontari di Bondeno e la squadra di emergenza di Ferrara lavorarono assieme ai cantonieri municipali, per il recupero dei materiali riutilizzabili: come plafoniere, scale, sponde della tribunetta e tutto quanto poteva essere reimpiegato. In seguito, l’edificio venne demolito per via dei danni strutturali irreparabili subiti durante il terremoto. Gli uffici tecnici municipali stanno studiando l’ipotesi e l’eventuale costo per realizzare un parcheggio, «dopodiché – concludono Fabio Bergamini e Marco Vincenzi – la giunta prenderà in esame quella che risulterà l’idea migliore, che certamente verrà condivisa con la cittadinanza».

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi