Home > IL QUOTIDIANO > Italia Viva Ferrara sull’intervento di Paolo Calvano in merito al Teatro Comunale di Ferrara

Italia Viva Ferrara sull’intervento di Paolo Calvano in merito al Teatro Comunale di Ferrara

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Italia Viva Ferrara

Nel caso fosse sfuggito a qualcuno, i teatri dal 1996 possono essere trasformati in fondazioni di partecipazione. Che cosa vuol dire? Con questa forma giuridica attori sia pubblici, sia privati possono contribuire al mantenimento e all’incremento del capitale della fondazione, che può così agire in maniera autonoma per preservare il patrimonio culturale e contribuire alla formazione della comunità, mantenendo la propria rilevanza storica.
Aprendo alla possibilità di far intervenire capitali privati attraverso finanziamenti diretti e indiretti, senza dover dipendere solamente dal contributo pubblico, ha permesso alla maggior parte dei teatri italiani di sopravvivere e di continuare e a incrementare le proprie produzioni originali, incentivandoli ad avere un bilancio in pari o in attivo, per poter accedere a sempre più risorse.

Negli Stati Uniti, così come nel resto d’Europa, il teatro è diventato un luogo sempre più aperto al pubblico. L’aggiunta di bar, caffè, ristoranti o spazi di condivisione ha fatto sì che i cittadini incominciassero a entrare nei teatri non solo nelle ore serali, ma anche durante il giorno, dando vita a un legame più profondo e duraturo. Molto interessante osservare il caso del National Theatre di Londra che si è affermato come il cuore pulsante di South Bank.

Se vogliamo osservare un esempio più vicino a noi basta pensare all’affitto del Ridotto del Teatro alla Scala, per la sfilata di Dolce & Gabbana presso il Ridotto del Teatro solamente nel 2015, dove hanno dialogato in perfetta sintonia talenti del tutto Made in Italy donando prestigio a entrambe le parti coinvolte.
A Ferrara non è successo nient’altro che questo. Un allineamento all’andamento attuale dell’ambiente artistico. Nulla di più.

Chi afferma, come fa il Segretario Regionale del PD, che il Teatro Comunale è stato trattato come “una trattoria”, non solo fa affermazioni demagogiche senza alcun fondamento, minando la sopravvivenza dei teatri italiani, ma sta inconsapevolmente rinnegando tutta l’azione e il lavoro fatto negli ultimi sei anni da parte del proprio partito.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi