Home > COMUNICATI STAMPA > K-Cinema: Il fascino (in)discreto della Corea del Sud

K-Cinema: Il fascino (in)discreto della Corea del Sud

Tempo di lettura: 4 minuti

Da: Ufficio Stampa Arci Ferrara

Un pacchetto di film che testimoniano il meglio della produzione sudcoreana:
The Gangster, the Cop, the Devil (lunedì 28 ottobre ore 21.00); A Taxi Driver (martedì 29 ottobre ore 21.00); Little Forest (mercoledì 30 ottobre ore 21.00); tutte le proiezioni sono in lingua originale con sottotitoli in italiano. Ingresso 5 euro.

La Palma d’Oro a Bong Joo-ho rappresenta, più che meritatamente, la punta dell’iceberg, ma il cinema sudcoreano vive ormai già da vent’anni una seconda e poderosa giovinezza. Vent’anni che il Far East Film Festival di Udine ha sempre documentato con grande attenzione distillandoli oggi nella brillante rassegna K-CINEMA assieme alla Tucker Film. Un pacchetto di quattro titoli, tre dei quali verranno proiettati in lingua originale al Cinema Boldini lunedì 28, martedì 29 e mercoledì 30 ottobre (il quarto titolo previsto dalla rassegna, Burning – L’amore brucia, è già stato proiettato in anteprima a fine settembre): The Gangster, The Cop, The Devil di Lee Won-tae (2019), A Taxi Driver di Jang Hun (2017), Little Forest di Yim Soon-rye (2018).

Tre generi (nell’ordine: un action “vecchia scuola”, un blockbuster d’impegno civile, una commedia color pastello) e una sola tag-line: Il fascino (in)discreto della Corea del Sud. Tre diverse punte dell’iceberg, insomma, a testimoniare il meglio delle produzioni recenti e l’incredibile ricchezza creativa di un’industria che ha raggiunto il quinto posto del box office mondiale.

“The Gangster, the cop, the devil”
Le vie dell’action-thriller sono infinite, o quasi, e il cinema sudcoreano le sa percorrere a occhi chiusi. Dal punto di vista delle strutture narrative e, naturalmente, dal punto di vista stilistico. Pensiamo a The Chaser. Pensiamo a The Man from Nowhere. Pensiamo ai tanti cult che gli appassionati conoscono a memoria. The Gangster, The Cop, The Devil, però, non si accontenta e moltiplica tutto per tre: l’elemento crime, l’elemento poliziesco, l’elemento noir. Più che l’ennesima variazione sul tema, un appassionante – e divertente! – virtuosismo pop. La storia di un’alleanza spericolata tra uno sbirro e un bandito, impegnati a costruire una tregua per neutralizzare un serial killer. Chi sono i buoni e chi sono i cattivi?

“A taxi driver”
La mente corre a De Niro e Scorsese, certo, ma questa non è la New York degli anni ‘70: è la Seoul degli anni ‘80. Jang Hoon ci fa salire su un taxi e ci (ri)porta nel buio di Gwangju, dove sta per esplodere la grande rivolta popolare contro la dittatura di Chun Doo-hwan. Dieci giorni di lotta, dieci giorni di feroce repressione. Il 18 maggio 1980 rappresenta ancora una ferita aperta, nel cuore della Corea del Sud, e i dodici milioni di spettatori che hanno applaudito A Taxi Driver lo dimostrano. Blockbuster o inno civile? Un inno civile che parla il linguaggio del blockbuster, affidandosi – tra lacrime, risate, azione – al gigantesco Song Kang-ho: il pupillo di Bong Joon-ho da Memories of Murder a Parasite.

“Little forest”
Tratto da un manga giapponese, ma adattato allo stile narrativo sudcoreano, Little Forest racconta (anzi: dipinge) con sorprendente delicatezza la storia di una fuga e di una rinascita. La fuga e la rinascita della giovane Hye-won, in crisi professionale e sentimentale, che abbandona la frenesia della metropoli per imparare la lentezza della vita rurale. I codici e i segreti dell’essenzialità. Little Forest è uno sperduto villaggio dove le radici (emotive) dell’infanzia corrispondo alle radici (fisiche) della terra. Little Forest è una piccola cucina dove i nudi frutti dell’orto diventano golose ricette conviviali. Abbiamo bisogno di tanto altro, per essere felici?

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi