COMUNICATI STAMPA
Home > STORIE > ALTRI SGUARDI > LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
“Knowledge city” tra sogno e realtà

LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
“Knowledge city” tra sogno e realtà

Tempo di lettura: 5 minuti

Il “Most Admired Knowledge City” (Makci), il premio per le città che hanno fatto della conoscenza la base del proprio sviluppo, per il 2015 è stato assegnato dal World Capital Institute a quattordici città: Vienna, Daegu (Corea del sud), Tallinn, Przemyśl (Polonia), Ottawa, Montreal, Tampere (Finlandia), Dublino, Valencia, Zurigo, Curitiba (Brasile), Copenaghen, Brisbane (Australia) e Bento Gonçalves (Brasile).
“Cogito ergo sum”, direbbe Cartesio. Lo scrivo perché, a narrare di questa idea della Città della Conoscenza, capita di imbattersi in una sorta di zona rarefatta, fatta di diffidenza per tutto ciò che sembra provenire da un onirico mondo a occhi aperti: il solito mondo di chi non sta bene se non si mette a cercare l’isola che non c’è. Tranquilli, qui nessuno insegue sogni e utopie. Può essere che, quando il nuovo non rientra in nessuno dei nostri scomparti mentali, lo si rubrichi come velleitario.
Il problema è quando il nuovo ci cresce tutt’intorno e non lo vediamo, perché ancora la nostra vista è confusa, specie se crediamo che per il presente non ci sia futuro, o preferiamo che il presente continui a restare così com’è, senza che nessuno venga a rovinarcelo suggerendoci ipotesi a cui preferiremmo non pensare. Ma tutti sappiamo bene che da sempre il nuovo procede per supposizioni da cui discendono di conseguenza nuove proposizioni. E le nuove proposizioni le scrivono gli uomini, nessun altro può farlo al nostro posto.

La storia ha fatto di Vienna un fulcro della cultura nel mondo, punto di incontro internazionale. Oggi è riconosciuta come la città più intelligente e con la migliore qualità della vita. Sono ormai decenni che Vienna segue strategie basate sulla conoscenza, attualmente puntando sulla ‘Smart city’, su ricerca, tecnologia e innovazione. Nel 2015 ha celebrato i 650 anni dalla fondazione della sua Università e questa è divenuta l’occasione per dichiararsi ufficialmente città della conoscenza.
Con il motto “Daegu, leader mondiale dell’economia basata sulla conoscenza”, la città della Corea del Sud si impegna a garantire un futuro nuovo, attraverso lo sviluppo dell’industria della conoscenza, la crescita del verde, dell’istruzione e della cultura.
Montréal è oggi la città del Canada con il maggior numero di pubblicazioni scientifiche e di docenti universitari. Montréal ha una ricca storia industriale, ma come altre grandi città dei paesi sviluppati ha assistito ai profondi cambiamenti, conseguenti al trasferimento delle attività industriali nei paesi che offrono manodopera a basso costo. Come contromossa ha investito in attività innovative, basate sulla conoscenza. Ora possiede una concentrazione di segmenti di mercato ad alto contenuto di conoscenza e professionalità, un forte numero di settori ad alta tecnologia e un significativo nucleo creativo, artistico e culturale, una base occupazionale in grado di attrarre e trattenere lavoratori della conoscenza e di promuovere forti dinamiche di innovazione.
Ciò è stato possibile grazie alle sinergie tra università, industrie ad alta tecnologia e istituzioni culturali di diverse discipline. “Montréal città della conoscenza” è il comitato consultivo di cui la città si è dotata e che ha sede presso la sua Università, è questo comitato a definire azioni e strategie prioritarie per rafforzare il suo status di città della conoscenza.
Per ultimo mi limito a citare il caso di Dublino. La sua capacità di mettere in atto la strategia di sviluppo basata sulla conoscenza ha attirato aziende di livello mondiale come Microsoft, Google, IBM e Wyeth. In un periodo relativamente breve Dublino ha registrato un rapido aumento del numero di immigrati. Il censimento nazionale del 2006 ne faceva la città con la più alta concentrazione di cittadini stranieri, oltre il 15% della popolazione totale. In questo contesto, a fronte della crisi economica, Dublino ha risposto con il progetto “Dublino città aperta”, mirato ad attrarre stranieri per settori lavorativi specifici, puntando in particolare sugli studenti. In questo modo ha messo a fuoco un proprio programma di internazionalizzazione. Il successo economico e la crescita che ne sono derivati per la città non sarebbero stati possibili senza il contributo di questi lavoratori migranti, che hanno colmato deficit di competenze, in particolare nei settori dell’ospitalità, del turismo, della salute e delle costruzioni.
La capacità di Dublino di attrarre talenti a livello internazionale è stata uno dei fattori chiave che ha indotto Google e Facebook a collocare proprio qui la loro sede europea. Come parte di questa strategia “Dublin City manager” ha istituito la “Creative Alliance”, che riunisce le università, le imprese e il settore pubblico. Questa alleanza ha portato la città a essere un importante centro nel settore creativo e della conoscenza.

Potremmo scrivere ancora d’altro, ma noi che inseguiamo questa sfida della Città della Conoscenza, di un’economia basata sulla conoscenza, evidentemente non stiamo sognando a occhi aperti. Se mai ci preoccupano quelli che non sognano, neppure a occhi chiusi, perché evidentemente, come tutte le cose che riguardano il governo di una città, il futuro non è solo nelle mani di cittadini volonterosi, che mettono a disposizione tempo, passione, idee, ma è nelle mani della politica. E nessuna città della conoscenza può nascere se non parte di lì, da una politica capace di essere anche là dove si costruisce l’isola che ancora non c’è.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Futuro, collaborazione, comunità
UN’OCCASIONE FORMIDABILE
“ripartire” cambiando il nostro modo di vivere?
LA SCUOLA, COME RIPARTIRE?
Una proposta alla mia città e al Sindaco
ZOROASTRO E’ TORNATO
Il tempo rubato e la pandemia del regresso
PANDEMIA E CLAUSURA
La parola ai ragazzi: Maria, Klea, Giorgia, Iris

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi