Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > La Basilica di Santo Stefano, una superstite dell’epoca romanica a Bologna

La Basilica di Santo Stefano, una superstite dell’epoca romanica a Bologna

Tempo di lettura: < 1 minuto

Mi trovo a Bologna e mentre passaggio in compagnia di un’amica, arrivo a Piazza Santo Stefano. Mi faccio incuriosire dalla Basilica omonima e colgo l’occasione per entrarci.
Dietro quella che sembra una “normale” chiesa, scopro che si nasconde un ampio complesso al quale si accede attraverso una porta sulla sinistra, una volta percorsa tutta la navata: tale edificio è conosciuto infatti come il complesso delle “Sette Chiese”, anche se ad oggi ne rimangono solo quattro. Non conoscendo l’edificio e la sua storia ne sono rimasta davvero colpita, ogni passaggio conduceva a un altro cortile o chiostro da ammirare.
Lo stile romanico è evidente sia negli interni che negli esterni. L’esterno della Chiesa del Santo sepolcro e l’ampio chiostro medievale, circondato da due piani di portici percorribili. Sotto questi ultimi si possono osservare un gran numero di lapidi, recanti quasi tutti i nomi dei caduti bolognesi durante la prima guerra mondiale.
È un ampio luogo sacro avvolto dal centro della città.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PRESTO DI MATTINA
Tattiche e strategie
PRESTO DI MATTINA
Si sta come coppi sui tetti
PRESTO DI MATTINA
Quale Riforma per la Chiesa di oggi: ri-dare forma alle relazioni ecclesiali
PRESTO DI MATTINA
Parole perdute e ritrovate

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi