Home > IL QUOTIDIANO > Caschi Blu della cultura: un successo internazionale italiano

Caschi Blu della cultura: un successo internazionale italiano

beni-culturali-caschi-blu
Tempo di lettura: 3 minuti

All’indignazione e alla tristezza per tanti monumenti che l’estremismo manda in frantumi sono seguiti i fatti. Il 17 ottobre, infatti, è finalmente arrivato l’accordo del Consiglio esecutivo dell’Unesco alla proposta italiana di creare dei meccanismi per potersi avvalere di una forza internazionale dedicata, i “caschi blu della cultura”, e di continuare a lavorare in sede Onu per includere la componente culturale nelle missioni di pace.
Il ministro Dario Franceschini era stato grande sostenitore di questa iniziativa ed è di qualche giorno fa la notizia che la Corte Penale Internazionale dell’Aja ha cominciato a perseguire per crimini di guerra coloro che hanno perpetrato azioni di distruzione di monumenti storici importanti.

beni-culturali-caschi-blu

Caschi blu, forze di protezione dell’Onu

La comunità internazionale finalmente reagisce su un tema che tocca tutti, perché riguarda la nostra storia, le nostre radici, la nostra cultura, spesso comune. Se poi la risoluzione, co-firmata da altri 53 Stati e sostenuta dai membri permanenti del Consiglio di sicurezza, è stata presentata dall’Italia, culla della cultura, ancora meglio: un po’ di sano orgoglio nazionalistico, in un momento in cui ne abbiamo particolarmente bisogno. Per Dario Franceschini, si tratta di “un successo internazionale del nostro Paese (…): adesso occorre definire subito gli aspetti operativi della nostra proposta. Occorre una task force internazionale che dovrà intervenire laddove il patrimonio dell’umanità è messo a rischio da catastrofi naturali o da attacchi terroristici”.
 A guidare il gruppo che cercherà di proteggere il patrimonio culturale in pericolo nelle aree del mondo con gravi crisi politiche e sociali in corso potrebbero essere proprio gli italiani. Il premier Renzi, al suo discorso alle Nazioni Unite lo scorso 29 settembre, aveva annunciato che l’Italia era intenzionata a mettere a disposizione della comunità internazionale unità specializzate formate dai Carabinieri del Nucleo per la protezione del patrimonio culturale e artistico, “con compiti sia di formazione che operativi per proteggere il patrimonio e fungere da consiglieri ai governi locali”, aveva aggiunto. Le competenze ci sono. Un passo in avanti della diplomazia culturale di cui l’Italia si sta facendo portavoce. In prima linea per la cultura. Da seguire.

Link correlati
Caschi Blu della cultura a difesa dei beni artistici
Distruzione di monumenti storici, un crimine di guerra

Commenta

Ti potrebbe interessare:
DIARIO IN PUBBLICO
Imitazione e verità
SCHEI
Ferrara, idea di città: a voi indré i mié baioc (ridatemi i miei soldi)
ROSPI / Prima la Cultura! Quella a pagamento però:
librerie aperte e biblioteche chiuse.
Don Minzoni, il coraggio di dire “no”. Il film del ferrarese Muroni al Maxxi di Roma

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi