Home > IL QUOTIDIANO > LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Conoscenza e apprendimento: buoni amici da festeggiare

LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Conoscenza e apprendimento: buoni amici da festeggiare

conoscenza in festa Udine
Shares

Città come Trieste e Udine da qualche tempo hanno deciso di presentarsi al mondo come città della conoscenza. Per Trieste, al primo posto in Europa tra le città della conoscenza, pare quasi scontato: da sempre crocevia della Mitteleuropa, con una forte vocazione scientifica che alimenta flussi di studenti, docenti, ricercatori, un’intensa mobilità legata, appunto, alla conoscenza.
Udine, invece, costituisce una novità in positivo. Dal 3 al 5 luglio nel capoluogo friulano ha avuto luogo “Conoscenza in Festa”. L’iniziativa è dell’Università di Udine, in particolare del suo rettore, con il patrocinio del MIUR e la collaborazione di numerosi partner.
Forse da noi si è ancora convinti che si fa festa con cappelletti, salama e Buskers, non certo con la “conoscenza” che oltre tutto può essere indigesta. Perché far festa con la conoscenza? Per chi facesse fatica a comprenderlo è sufficiente aprire la pagina web dedicata all’iniziativa. Si scoprirà che la conoscenza oggi è al centro dell’agenda del paese, che merita di essere festeggiata come un buon amico al quale si deve tutto, che festeggiare la conoscenza rinnova il desiderio sia di apprendere sia di insegnare, in chi l’avesse perduto per strada, e soprattutto che rende tutti migliori a vantaggio della vita comune. Dietro c’è l’idea rivoluzionaria dell’apprendimento che lascia i luoghi istituzionalmente deputati per divenire apprendimento ovunque e sempre: apprendimento di strada, potremmo dire, come i musicisti e i maestri, un apprendimento che non è una condanna, ma un piacere. Un messaggio, dunque, chiaro per tutti, studenti, insegnanti, educatori, cittadini e amministratori.

Se il bel paese è pieno di fiere dove si mangia, a partire dall’Expo, Udine ha scelto di invitare ogni anno tutti gli Italiani a far festa per le sue piazze e strade, cibandosi di conoscenza con conferenze interattive, dibattiti, installazioni artistiche, esperienze sensoriali e case history di nuove metodologie, con il banco dei saperi e il loro riciclo. Tra le vie di Udine si va a perdere ogni confine tra imparare e insegnare. Del resto è nella storia di questa città abbattere i confini.
Ma non solo Udine dimostra come si possa nei fatti essere città smart, a partire dalla conoscenza e da chi la produce. Anche Todi si propone come città della conoscenza, con un’idea vincente di alleanza tra scuole e amministrazione comunale. “Le Scuole di Todi per una Città della conoscenza: proposte e prospettive”: questo è il piano strategico, nato da un documento elaborato dalla rete delle istituzioni scolastiche della cittadina umbra, in collaborazione con l’amministrazione comunale, per migliorare il sistema scolastico e renderlo più aderente alle necessità della società della conoscenza e alle sfide del futuro. Un “patto per la scuola”, che impegna tutti i soggetti istituzionali, scuole, enti, associazioni e servizi della città ad affrontare insieme le sfide del presente e del futuro. Non tanto e solo per gestire trasporti, mense e edilizia scolastica, ma soprattutto con l’obiettivo di restituire centralità alla questione formativa, come investire e valorizzare il capitale umano costituito dagli studenti, piccoli o grandi che siano. Come rendere efficiente il sistema formativo dal punto di vista della conoscenza. Come dare vita a una rete per la qualità dell’apprendimento, a un coordinamento didattico e organizzativo per migliorare il servizio scolastico offerto a tutti i cittadini. Fare rete, mettere a sistema le risorse del territorio è la cifra che caratterizza questo “patto per la scuola”, un patto che assume come metodo strategico quello della partecipazione e del coinvolgimento attivo delle istituzioni scolastiche e culturali, degli attori sociali della città per il raggiungimento di obiettivi condivisi.

C’è da chiedersi perché a Ferrara nulla si muova. Perché ci si culli nel solito tran tran. Perché non si riesca a organizzare un festival dell’apprendimento, quasi che lo sforzo di quanti sono impegnati nello studio e nella conoscenza, a partire dalle nostre ragazze e dai nostri ragazzi, non meritasse la gratitudine di tutta la città, non meritasse il riconoscimento e la gioia di essere festeggiato insieme.
Avevamo riposto fiducia nelle parole dell’assessore alla pubblica istruzione (si veda qui l’intervista che ci rilasciò l’anno scorso), ma evidentemente non solo quelle dell’Inferno, anche le strade degli assessori sono lastricate di buone intenzioni. C’è da dire che neppure l’Ufficio scolastico territoriale e le Istituzioni scolastiche con i loro dirigenti, qui da noi, pare che brillino per idee, per spirito di iniziativa, per capacità propositiva. Pare che non sentano, di fronte ai grandi cambiamenti che ci stanno attorno, la necessità, oltre che l’urgenza, di avviare una stagione nuova di dialogo, di collaborazione, di alleanza tra le scuole, i loro studenti e la città intera. Una stagione del fare insieme, che restituisca centralità alle ragazze e ai ragazzi impegnati a studiare, a quello che fanno a scuola e perché e per chi lo fanno, che faccia sentire la città partecipe della scuola dei suoi ragazzi e i suoi ragazzi partecipi della città. È impossibile?
Tra le righe della “Buona scuola”, ora per tutti legge n.107, a noi pare che ci sia questa volontà di aprire la scuola alla città e la città alla scuola, almeno nelle intenzioni. Ci sarà qualcuno in grado di raccoglierla?

Commenta

Ti potrebbe interessare:
I DIALOGHI DELLA VAGINA
Il pranzo della suocera. Tra allarmi e rinunce, le esperienze di due lettori
parole-poesia
APPUNTAMENTI
Le cinque parole che stanno trasformando l’Italia
I DIALOGHI DELLA VAGINA
Il pranzo della suocera
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Cambiare la scuola per non trovarci nei guai

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi