Home > IL QUOTIDIANO > LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Una nuova stagione della città: l’apprendimento diffuso

LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Una nuova stagione della città: l’apprendimento diffuso

citta-conoscenza

La città delle persone, dei luoghi di lavoro, dell’incontro, delle piazze, delle comunità, l’intera città è un sistema connesso di apprendimenti, un sistema complesso di saperi e di valori, un sistema di significati e di dialoghi. Questo sistema deve vivere, deve interconnettere tra loro processi e momenti di conoscenza, farli circolare, comunicare tra loro, perché da luoghi chiusi divengano luoghi aperti a disposizione di tutti, a disposizione del progetto di una città che apprende, di una città che conosce. Gli individui, le città, le società che apprendono sono organismi vivi, in un processo di continuo e costante rinnovamento.

Da sempre le città amministrano la conoscenza e oggi pare interessante riflettere sull’evoluzione relativamente rapida di questa loro funzione. Volendo ricostruire tale evoluzione, è possibile individuare una prima generazione, la più lontana, ma anche la più duratura nel tempo, in cui le città hanno fatto a gara per essere sede di prestigiose istituzioni culturali, dalle università alle scuole, dalle biblioteche ai musei, dai teatri alle sale cinematografiche. Una fase che potremmo definire di gestione delle fonti di informazione. Una seconda generazione, molto più recente, e che potrebbe essere fatta risalire agli ultimi decenni del secolo scorso, salvo l’eccezione dei grandi eventi come le esposizioni universali, è quella in cui le città, attraverso la creazione di eventi e appuntamenti culturali, come mostre, concerti, premi letterari, si sono proposte come collettori di informazioni e conoscenze per attrarre le persone e connetterle tra loro. Già prende corpo l’idea che le istituzioni educative formali non sono più sufficienti a soddisfare il bisogno di conoscenza della società. Non solo. È in questo stesso periodo che le città scoprono l’importanza di istruzione e formazione a partire dai primissimi anni; di qui la diffusione dei nidi e delle scuole dell’infanzia in cui le città della nostra regione sono state all’avanguardia.
Infine la terza generazione, quella attuale, in cui le città si trovano di fronte alla necessità di gestire un sistema complesso e profondamente interconnesso di informazioni e di conoscenze. È la fase delle città che apprendono, delle città della conoscenza, la fase aperta dallo sviluppo fondato sulla conoscenza e sul suo continuo interscambio a livello mondiale.

Società della conoscenza, economia basata sulla conoscenza, hanno dato avvio a questa nuova stagione, a un modo nuovo di produrre fondato sulla creatività e l’innovazione, a prescindere dal mercato, a prescindere dall’economia di carta. Fiducia, iniziativa, immaginazione, conoscenza, attività immateriali ne sono gli ingredienti principali. In questo contesto il pianeta si va trasformando in un mondo di sistemi di significati paralleli che rendono complessa la comprensione e l’interscambio collettivo. Un mondo che non è più solo informazione e conoscenza, ma sempre più tessuto di significati che richiedono di essere interpretati, compresi, negoziati.
In questo universo di significati molteplici è, dunque, vitale la costruzione sociale di comunità che apprendono, di comunità i cui soggetti non siano passivi ricettori di conoscenze, ma attivi protagonisti di apprendimenti. Di questa società che cucina informazione e conoscenza è espressione la rete, il fare rete, Internet, come processo permanente e costante di circolazione e di negoziazione dei significati.
Nel cuore di questa complessa trasformazione del sistema sociale, economico e tecnologico si colloca l’apprendimento, dal quale dipendono ormai le nostre società. Il sistema di apprendimento, il sapere non più come solo diritto allo studio, ma come diritto di cittadinanza, quel “Learning to Be”, “apprendere per essere”, del Rapporto Faure, nell’ormai lontano 1972. Ma i nostri sistemi di apprendimento, le nostre istituzioni educative sono strutture sociali storicamente determinate, strutture che esibiscono implacabilmente la loro data di fondazione, sistemi che rischiano di non fornire più gli strumenti necessari a interpretare significati e bisogni che stanno alla base della società della conoscenza di questo ventunesimo secolo.

La città della conoscenza si definisce come una città che genera costantemente e pertinacemente conoscenza come mezzo per il suo sviluppo. Occorre che la formazione nel suo modo di essere, di procedere e nei suoi obiettivi si disponga a questo orizzonte. Non più cives e basta, ma cittadini di “Ideapolis”, cittadini creativi, inventivi nella comunità mondiale dei giardini delle idee. La società della conoscenza si nutre di creatività e di intelligenza, si regge sul suo capitale sociale intellettuale. Questo è il capitale che scuole e università devono formare, la ricerca nutrire e le città attraverso l’apprendimento diffuso far crescere.
La città della conoscenza è mappatura del suo capitale intellettuale e dei suoi saperi, connessione dei suoi nodi, è la solida capacità dei suoi cittadini di narrare la sua storia e il suo futuro.

Nel contesto dell’economia della conoscenza, partendo dalla definizione classica di Weber della città come “insediamento umano che non vive di agricoltura, ma di commercio e servizi”, la città della conoscenza investe una percentuale molto alta delle sue risorse nell’istruzione e nella formazione professionale, nella ricerca e nell’apprendimento dei suoi cittadini. La città è un insediamento umano la cui abilità sta nel creare ricchezza attraverso la capacità di generare e moltiplicare le conoscenze. Nella città della conoscenza, imprese e cittadini si alleano, si collegano per formare una rete estesa di conoscenze, per conseguire obiettivi strategici, coltivare l’innovazione e rispondere con successo ai rapidi cambiamenti dello sviluppo.
Nella terza generazione delle città che amministrano la conoscenza è l’apprendimento il fattore chiave, è l’apprendimento a fare la differenza tra la “società della conoscenza” e la “società dell’informazione”.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Le incongruenze di un Paese: Educazione civica e Agenda 2030
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
La scuola delle carenze
Le personalità invisibili
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
L’era dell’incompetenza e i rischi per la democrazia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi