5 Maggio 2017

Ma dove vai se la cargo bike non ce l’hai

Simona Gautieri

Tempo di lettura: 4 minuti

Al mio passaggio per le strade cittadine è tutto un sollevarsi di cori di approvazione “Che bella” dice qualcuno “Mai vista una cosa del genere” aggiunge qualcun altro. Sarebbe una cosa molto lusinghiera, se non fosse che questi apprezzamenti non sono rivolti a me, ma alla cargo bike che ho in comodato d’uso gratuito dal Comune di Ferrara. Le cargo bike, per intenderci, sono quelle biciclette, a due o tre ruote, con il cassone sul davanti per il trasporto di cose o persone. La Christiania Bikes, una delle più grosse ditte produttrici è danese ed è stata fondata, nel 1994, da una coppia di marito e moglie che vivono nel noto quartiere hippie di Copenaghen. Nella capitale danese si stima ci siano attualmente oltre 20 mila di questi esemplari, destinati oltre che al trasporto dei bambini anche agli usi più diversificati.

Molto diffuse nel nord Europa, dove sostituiscono a tutti gli effetti l’utilizzo delle automobili, stanno prendendo piede anche in Italia, grazie anche a progetti europei quali ‘CycleLogistics’ a cui ha aderito anche il Comune di Ferrara tre anni fa. In città, più di 250 famiglie hanno potuto provare gratuitamente, per circa venti giorni una cargo bike per portare i figli a scuola eo per fare la spesa. Ultimato il periodo di utilizzo delle bici in prestito, diverse famiglie hanno scelto di acquistare una propria cargo bike, rinunciando di fatto alla seconda auto. Il principale obiettivo del progetto, infatti, è incoraggiare le persone ​​ad utilizzare bici da carico, rimorchi e ceste per il trasporto quotidiano, per lo shopping e il tempo libero. Prendere in prestito una cargo bike è molto semplice: basta contattare Gianni Stefanati, responsabile del progetto per l’agenzia della mobilità Ami, compilare un apposito modulo e recarsi presso l’officina ‘Ricicletta’, in via Darsena, per il ritiro della bicicletta.

“Le cargo bike possono rivoluzionare il nostro stile di vita – dice Stefanati – In questi anni, da che il progetto è partito a Ferrara, tante persone si sono accostate a questo, fino ad ora, inusuale, mezzo di trasporto. C’è chi lo ha provato per trasportare merci, chi per esigenze di famiglie. Ho conosciuto chi, dopo aver scoperto le cargo bike a tre posti, ha deciso di allargare la famiglia concependo il terzo figlio. Un ragazzo invece ha portato in giro una cucciolata di cagnolini che hanno trovato tutti adozione”. Incentivare l’utilizzo delle cargo bike per il trasporto di merci è uno degli obiettivi del progetto europeo. Uno studio austriaco stima che l’80% di tutti i beni acquistati potrebbe essere trasportato utilizzando le cargo bike. Queste sono progettate specificamente per i grossi carichi ed hanno, a seconda dei modelli, grandi cassoni anteriori oppure un largo piano di carico fra lo sterzo e la ruota anteriore. “La maggior parte delle cose trasportate, infatti, non supera i 200 kg e le distanze sono inferiori ai 7 chilometri. C’è un potenziale del 25 % di tutti i viaggi effettuati con veicoli a motore che potrebbero essere normalmente effettuati in bicicletta. “In Germania e nel nord Europa- insiste Stefanati- le grosse ditte di trasporti quali Dhl, Ups e FedEx, hanno inserito le cargo bike all’interno delle loro catena logistica. Anche in Italia, a Torino e Milano, Dhl, effettua alcune consegne utilizzando questi veicoli, con indubbi vantaggi: le biciclette possono percorrere una rete stradale più densa, non hanno problemi di parcheggio e possono accedere in sostanza a qualsiasi area e in qualsiasi ora del giorno. Senza considerare la riduzione di emissioni di CO2, la diminuzione del traffico, del rumore e dell’inquinamento. A Ferrara questo sistema di consegna delle merci non ha preso piede ed è un vero peccato. Il problema è che i furgoni possono circolare in città senza limitazioni di orario e di giorni perciò le ditte di trasporti non sono incentivate ad utilizzare questo mezzo alternativo che, di sicuro, porterebbe grossi benefici all’inquinamento cittadino”.

Tra gli estimatori delle biciclette cargo c’è anche Alessandro Zangara, capo ufficio stampa del Comune di Ferrara. “La prima l’ho comprata nel 1997 e, con due bambini piccoli, ha migliorato di molto la qualità dei miei spostamenti. All’epoca a Ferrara non se ne vedevano in giro e io stesso le avevo viste solo in Germania. Quando, ad una mostra di biciclette tenutasi alla Galleria Matteotti, ne ho vista una esposta da un venditore austriaco, non ci ho pensato due volte: sono andato a procurarmi la somma richiesta in marchi all’aeroporto di Bologna e l’ho acquistata”.

Continuo a pedalare per le vie del centro e, con la spesa caricata sul cassone, mi viene da pensare che, dopo aver restituito la bici cargo, dovrò nuovamente caricare le buste a braccia. O rispolverare la macchina per coprire le lunghe distanze. Scomodità che avevo messo da parte. La cargo bike o si ama o si odia. Al ciclista medio ferrarese sembra un veicolo scomodo e pesante da guidare. L’automobilista, che già mal sopporta le classiche biciclette, quando deve incolonnarsi dietro una cargo, vede il crollo delle proprie certezze. Per chi invece la ama, il problema principale di tutta questa operazione rimane il costo per l’acquisto di queste biciclette. E se ci sono comuni virtuosi come Bologna dove sono previsti incentivi di diverse centinaia di euro, per il loro acquisto, a Ferrara questo non è contemplato. Speriamo in un cambio di rotta del Comune perchè ai complimenti al mio passaggio non voglio più rinunciare.

Per maggiori informazioni: (clic per aprire i link blu)
Coop Il Germoglio
Ami (Agenzia per la mobilità)


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Simona Gautieri

Simona Gautieri

Ti potrebbe interessare:

  • GUERRA e PACE

  • PAROLE e FIGURE /
    Bruttina a chi? A me no di certo…

  • Davanti al maestro e alla maestra passa sempre il futuro

  • Bosco del Corniolino

    IL BOSCO DEL CORNIOLINO
    e gli altri boschi: da comprare per conservarli intatti

  • Lampedusa

  • Arriva «Ultimo Rosso» seconda edizione
    La poesia itinerante a Ferrara: Sabato 8 ottobre

  • INTERNAZIONALE 2022
    L’età e la vita nel cambiamento

  • Storie in pellicola / Favino fuoriclasse

  • SARURA di Nicola Zambelli

  • MILANO, ROMA, BOLOGNA…”SIAMO TUTTI MASHA”
    Le piazze si riempiono di solidarietà alle donne iraniane

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi