Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > La crepa delle umane certezze
Tempo di lettura: < 1 minuto

di Lorenzo Bissi

Nel 5 dicembre del 1970, Dario Fo mette in scena per la prima volta morte accidentale di un anarchico. Nel ’97 vinse il Nobel per la letteratura “perché, seguendo la tradizione dei giullari medioevali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi”. Meno di due mesi fa è passato a miglior vita, lasciandoci in eredità un modo del tutto rivoluzionario di fare teatro, satira, politica, e letteratura nello stesso momento.

In tutta la mia vita non ho mai scritto niente per divertire e basta. Ho sempre cercato di mettere dentro i miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po’ le teste. Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa
Dario Fo

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Un vitalizio di buon cuore
LA VIGNETTA
Un vaccino miracoloso!
LA VIGNETTA
Arte e politica
Quella volta che sospesero lo spettacolo di Dario Fo…
tanti ricordi dalla riapertura del Teatro Comunale negli anni ’60

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi