2 Aprile 2014

La democrazia e l’uomo comune

Fiorenzo Baratelli

Tempo di lettura: 4 minuti

Nel romanzo di George Steiner (“Il correttore” Garzanti) in un dialogo tra un comunista e un gesuita, il primo dice, facendo un bilancio della sconfitta dei propri ideali: “Sì, abbiamo sbagliato. Sbagliato mostruosamente, come dici tu. Ma il grande errore, quello di sopravvalutare l’uomo, l’errore che ci ha traviato, è in assoluto la mossa più nobile dello spirito umano nella nostra tremenda storia.” Il gesuita replica: “Il capitalismo non ha mai fatto questo errore. Non capisci? Il libero mercato si basa sull’uomo medio. E che media mediocre! Sai, professore, l’America è probabilmente la prima nazione e società nella storia dell’umanità a incoraggiare gli esseri comuni, fallibili e impauriti, a sentirsi a loro agio nella propria pelle.”
In democrazia vince chi sa parlare all’uomo comune. Una parte lo farà senza grandi ambizioni di cambiamenti; un’altra cercando di realizzarli per costruire una società di cittadini liberi e uguali. Comunque, lo scontro tra queste due linee non può saltare la considerazione e il consenso dell’uomo medio. Queste riflessioni mi vengono dal bilancio degli insuccessi di tutti quei volonterosi che provano a costruire movimenti e liste elettorali nel nome dei poveri, dei lavoratori e di grandi cambiamenti, azioni che poi scoppiano per risse interne fra personalità, oppure raccolgono consensi elettorali irrilevanti.
I fattori di questi insuccessi sono numerosi. In questa sede vorrei richiamarne uno fondamentale che riguarda la natura della democrazia nelle società del nostro tempo. Da un punto di vista strutturale, la democrazia obbedisce a due principi contraddittori e opposti. Da un lato essa è il regime che si fonda su norme di natura universale (eguaglianza dei cittadini, giustizia sociale, diritti e doveri uguali per tutti); dall’altro, permette ai singoli e a gruppi di interessi di organizzarsi e di battersi per affermare il proprio particulare.
Le contraddizioni e la vita delle democrazie dipendono dalle varie politiche in grado di conciliare e combinare di volta in volta i bisogni corporativi dei singoli e dei gruppi con i valori universali delle liberal-democrazie. Luigi Einaudi ha sintetizzato e definito efficacemente questo ossimoro del regime democratico: “La democrazia è un’anarchia degli spiriti sotto la sovranità della legge.” Deve essere chiaro, quindi, che entrambe le posizioni (difesa degli interessi particolari e affermazione dell’interesse generale) sono legittimamente presenti nella vita di una democrazia. La domanda che dobbiamo porci è come far sì che i nodi che si creano si possano sciogliere nella direzione di una società più giusta e più libera.
Se dovessi indicare il limite che blocca l’espansione di una forza di sinistra adeguata a questo tempo globale e di permanente trasformazione, lo indicherei così: non saper proporre una saldatura convincente tra un’analisi approfondita del presente, l’indicazione di obbiettivi e progetti per il futuro, la selezione di una classe dirigente credibile. Dell’analisi del presente fa parte l’abbandono di atteggiamenti aristocratici verso i luoghi comuni che plasmano il modo di pensare e di vivere delle persone normali. I luoghi comuni non sono solo delle banalità. Spesso sono contenitori simbolici che raccolgono domande ritenute importanti nella vita quotidiana. Se non vengono esaminate con attenzione per ricavarne indicazioni di soluzioni nell’interesse generale, finiscono nel tritatutto dei demagoghi che ne fanno un uso contro la democrazia.
Come rappresentare, dunque, la dialettica ideale di una democrazia matura? C’è chi punta sul rafforzamento di un confronto pubblico razionale con gli interessi di gruppi e di poteri forti, con l’obbiettivo di intaccare privilegi e diseguaglianze: la democrazia come casa di vetro. E c’è chi cerca di sottrarre gli interessi più corporativi o più forti alla trasparenza di un confronto pubblico (nelle Istituzioni e nella società civile), trasformando così la democrazia in un ideale irraggiungibile. Se dovessi tradurre questo discorso in un linguaggio filosofico, direi che il compito più difficile è tenere insieme logos e polemos, cioè dialogo razionale e conflitto sociale e politico. Oggi, siamo in una situazione in cui è vincente chi sostiene il primato assoluto della decisione di una élite ristretta che considera il dialogo una perdita di tempo, la vita delle Istituzioni rappresentative un fattore di inefficienza, le Costituzioni un ferrovecchio del passato, i partiti solo delle consorterie clientelari irriformabili, e il conflitto un demone destabilizzante della società.
Sta tramontando la concezione di una democrazia che funziona secondo una logica mista, cooperativa e conflittuale, dialogica e polemica insieme? Cosa si sta preparando al suo posto?



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Fiorenzo Baratelli

È direttore dell’Istituto Gramsci di Ferrara. Passioni: filosofia, letteratura, storia e… la ‘bella politica’!
Fiorenzo Baratelli

Ti potrebbe interessare:

  • Save The Park: domani alle 16,30 il flash mob al Parco Urbano
    (Lettera ad un sindaco duro d’orecchi)

  • RICERCA E SOLIDARIETÀ
    Nistagmo, questo sconosciuto

  • ELEZIONI: “Si respira aceto”
    e a seguire: “Il lavoro da morire”

  • the end, fine, capolinea

    ELEZIONI: IL PD A FINE CORSA?
    Non basta un congresso e un nuovo segretario, dovrà cambiare un’intera strategia politica

  • Parole a capo
    Roberta Lipparini: “Nei titoli di coda”. Parole in libertà ma senza debordare troppo…

  • DONNA, VITA, LIBERTÀ
    Può succedere a Ferrara…

  • Parole e figure /
    La signora Bigodino, la la la la la

  • Un’analisi del voto: Meloni, Conte, Schlein e il problema della rappresentanza

  • Per Mahsa Amini e per sostenere la rivolta del popolo iraniano:
    Ferrara, piazza Trento Trieste: 28 settembre ore 17,30

  • Elezioni: “Tutti noi ce la prendiamo con la storia ma io dico che la colpa è nostra”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi