Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > La distrazione naturale
Tempo di lettura: < 1 minuto

di Maria Luigia Giusto

Nelle difficoltà della vita quotidiana spesso ci si rifugia nella natura. C’è chi si rilassa curando o ammirando il giardino, chi ama il mare e il dondolio delle onde, chi punta gli occhi al cielo a seguire il cammino delle nuvole o a contare le stelle. Il verde, il cielo, il mare avvolgono ed abbracciano, lasciano immergere gli uomini nel loro tutto, ricordano loro che ci sarà sempre un domani.

“A quanti uomini, presi nel gorgo d’una passione, oppure oppressi, schiacciati dalla tristezza, dalla miseria, farebbe bene pensare che c’è sopra il soffitto il cielo, e che nel cielo ci sono le stelle. Anche se l’esserci delle stelle non ispirasse a loro un conforto religioso, contemplandole, s’inabissa la nostra inferma piccolezza, sparisce nella vacuità degli spazii, e non può non sembrarci misera e vana ogni ragione di tormento.”
Luigi Pirandello

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
I giardini segreti
PER CERTI VERSI
A questa luna
DI MERCOLEDI’
Ancora maschere (e mascherine)
DI MERCOLEDI’
Lo jettatore

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi