Home > IL QUOTIDIANO > La fabbrica umana

Quel che si vede è. Nulla di più. Come enormi ciminiere di fabbrica, due torri elevate verso il cielo a produrre tutto ciò che serve: consenso, degrado, paura, impoverimento, depauperamento. Non due palazzi, ma due ciminiere di una grande impresa che distrugge la città lentamente. Non inquinante, ma mortificante. Verso il cielo come il fumo. Piantati a terra, come la morte. Grigi, come un giorno di tempesta. Nudi, come la povertà.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
CITTA’ VUOTA:
E il mio esame di maturità? E il test all’università? Eppure sono convinta…
DI MERCOLEDI’: Io resto qui
La rivoluzione di Guido d’Arezzo… O Guido da Pomposa?
RETE METALLICA? NO GRAZIE!
A bilancio 400mila euro per ingabbiare Ferrara

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi