1 Giugno 2018

La Ferrara che cade a pezzi

Jonatas Di Sabato

Tempo di lettura: 7 minuti

Le cause di una probabile sconfitta non sono mai da ricercare in un solo fattore. Ancor più complicato si fa il lavoro di individuazione e correzione degli errori se il fenomeno che ti sta portando a rischiare le prossime elezioni riguarda un panorama non sovra-comunale ma bensì, addirittura, sovranazionale. Se ne sono accorti persino in Francia visto che, poco dopo le elezioni, un articolo pubblicato su ‘Télérama‘, tradotto da ‘Internazionale’, a firma di Juliette Bérnabent, titolava che la crisi della sinistra passava proprio per Ferrara. Quindi parlare di ciò che non va qui potrebbe essere usato come esempio da esportare in altri contesti: un’analisi olistica, che dal particolare passi al generale con un’attenta riflessione sui protagonisti.

Partiamo dai dati di fatto. Sappiamo che, a distanza di tre mesi quasi dalle elezioni, l’onda d’urto che ha quasi distrutto la sinistra locale ancora non si è fermata. Lo dimostrano ancora le difficoltà nel rimettersi in carreggiata nelle discussioni politiche. Ciò si potrebbe dimostrare molto pericoloso visto che, a un anno dalle amministrative, possiamo dire che la campagna elettorale è già aperta. I contendenti principali, Lega e Pd, partono da punti diversi ma con un unico comune denominatore: il Gad. E’ proprio in questo quartiere che si giocherà la sfida ed è proprio in questo quartiere che si è aperta informalmente la campagna elettorale. In momenti diversi. La Lega sta portando avanti l’opera da molto tempo, un lavoro che le consente di poter definire, a ragion veduta, questo quartiere un suo feudo. Dalla sua ha almeno due importantissimi fattori: un centro-sinistra che ha abbandonato questa zona per troppo tempo e una stampa che ha contribuito ad aumentare l’alone negativo intorno a queste zone. Premettiamo un’altra cosa: qui la delinquenza c’è. Inutile fare discorsi buonisti o perbenisti. La mafia nigeriana esiste, ha preso largo tra queste strade e ha trasferito le proprie attività anche in centro. Sui probabili perché ho già aperto una grande parentesi: la n’drangheta come anche la camorra potrebbero addirittura trarre giovamento dalla presenza di un’associazione di stampo mafioso tanto cara ai media, e che attirando su di sé i riflettori, può lasciare campo libero a chi deve occuparsi di altri malaffari. I cittadini ferraresi del Gad hanno spesso denunciato una mancanza di dialogo con il Comune e questo ha creato una nicchia che Lodi e compagni non si sono fatti sfuggire: ecco come si sono inseriti all’interno della discussione politica cittadina e ne stanno prendendo il comando. Se poi la Lega dialoghi davvero con i cittadini o meno, o conduca le proprie battaglie seguendo o meno le regole non fa differenza: la metodologia adottata sta pagando, dai social alle ‘irruzioni’, ai documenti chiesti più o meno legalmente, fino ad arrivare alle inchieste che coinvolgono farmacie ed Acer, le azioni fatte dai leghisti piacciono a molti ferraresi, i quali lo hanno dimostrato il 4 marzo.

Dall’altra parte i tentativi adottati dal Pd ferrarese per combattere i cosiddetti ‘populisti’ sono assolutamente in linea con i comportamenti della sinistra nazionale e internazionale: accusare gli altri, arrivare a denigrare l’elettorato (basti pensare che nell’ultima direzione del Partito Democratico c’è stato ancora chi ha dato la colpa della débâcle elettorale agli elettori) e, soprattutto, l’essersi accorti troppo tardi di camminare al di fuori della realtà. Non bisogna andare lontano per accorgersene. Una foto sulla sua pagina facebook del 25 maggio ritrae un Dario Franceschini intento ad andarsene dal suo ufficio e a lasciare quello che lui definisce “il ministero economico più importante del Paese”. Lui a Ferrara ha perso sonoramente. Perché? Perché il ministro dei Beni Culturali perde nella sua città che è persino patrimonio dell’Unesco? Su questa domanda forse una risposta può trovarsi proprio sulle mura ferraresi. Ironico come il simbolo di appartenenza alla cultura mondiale possa far perdere te ministro della Cultura, appunto. I perché sono stati ben spiegati, involontariamente, in una conferenza dove l’ingegner Vittorio Bernardoni, ha presentato i risultati di un’indagine condotta dall’associazione Gad Sicura e Insorgenti.

A sinistra Vittorio Bernardoni (Gad Sicura), al centro Alberto Ferretti (Insorgenti), a destra Raffaele Ferretti (Gad Sicura)

In pratica, foto alla mano, si è dimostrato che le mura non solo stano crollando in più punti e che i lavori iniziati in alcuni tratti hanno causato più danni che altro (si veda quello che è stato il lavoro di sterramento al Baluardo dell’amore, che ha portato alla luce strutture nate, appunto, per rimanere coperte). Tale indagine ha portato alla luce anche quello che è il “mercato del mattone“: una rete che vede dei veri e propri professionisti smontare parti delle mura ferraresi per poter rivenderne il materiale. Il gruppo di cittadini coinvolti degli Insorgenti e Gad Sicura, hanno semplicemente fotografato e dimostrato che un patrimonio, per rimanere tale, dovrebbe essere curato. Questa notizia deve aver sollevato una certa preoccupazione: la stessa mattina della loro conferenza, su un famoso giornale della zona, si titolava già su altre associazioni che si stanno muovendo in merito. Fa strano che la puntualità dell’uscita sia coincisa con quella della conferenza delle due associazioni ferraresi (17 maggio) ma ciò denota, senza quasi dubbio, che le mura, oltre che il Gad, saranno oggetto della prossima campagna elettorale. C’è chi denuncia che siano usate come luogo per nascondere la refurtiva e chi invece dice che dopo 30 anni andrebbero “tagliandate”.

Parte delle mura “smontate” per essere rivendute sul mercato nero dell’edilizia

Giusto. Tutto giusto. Ma da dove si dovrebbe partire? Domanda azzeccata visto che, ultimamente, con ogni ‘muro’ Ferrara sta facendo a botte: da quelli ideologici, passando per i crolli all’ippodromo, senza dimenticare lo stadio. Ma per tornare all’argomento cultura: come mai, se davvero questa città sulla cultura ha investito così tanto, Franceschini non è stato ripagato? Il suo è forse il caso più emblematico di una sconfitta sociale dopo quella di Minniti. Forse tutta la sinistra finalmente sta facendo i conti con una realtà diversa da come se l’era immaginata. Una realtà divisa in due e che vede, appunto, il centro-sinistra ferrarese ancora interpretare male quelli che sono i segnali. Nel frattempo, sempre secondo l’ingegner Bernardoni, i rischi di veder mandato in fumo il riconoscimento Unesco ci sono, come anche i precedenti in giro per il mondo. Se davvero qualcosa si deve fare, si deve partire proprio da qui, dalla parte di città che un tempo difendeva e che ora deve essere difesa da chi, troppo chiaramente, la sta trascurando.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Jonatas Di Sabato

Giornalista, Anarchico, Essere Umano
Jonatas Di Sabato

Ti potrebbe interessare:

  • 27 settembre, ore 19,30: Il giallista ferrarese Marco Belli al Centro Sociale La Resistenza

  • “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”:
    la nuova dimensione conflittuale dei Fridays For Future

  • rondini

    Per certi versi / La partenza delle rondini

  • Le Elezioni, l’Elettore e il Partito che non c’è

  • IRAN: Dopo la morte di Mahsa Amini
    si riaccende in tutto il paese la rivolta delle donne

  • Ferrara, Ciak si (ri)gira: 100 preludi

  • PRESTO DI MATTINA /
    Desiderio desideravi

  • VITE DI CARTA
    Dopo il Festivaletteratura di Mantova (seconda parte).

  • BOMBE NUCLEARI STRATEGICHE E TATTICHE
    Un tema di drammatica attualità

  • ALLE CINQUE DELLA SERA
    Lamento per Giuliano De Seta

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi