22 Settembre 2022

LA GIUSTIZIA È PER L’ALTRO
Enzo Bianchi al Festival della Filosofia

Roberto Paltrinieri

Tempo di lettura: 5 minuti

18 settembre. Sassuolo, Piazzale della Rosa ore 18
Enzo Bianchi inizia la sua lezione magistrale al Festival della Filosofia edizione 2022

Sembra non essere cambiato nulla
La voce è la stessa
Inconfondibile
Profonda
Profetica
Lievemente roca, tagliente .
Le sue parole,  come se passassero su una lama arrotata,
colpiscono profondamente l’orecchio e il cuore di chi ascolta.
La piazza segue in silenzio tutti i passaggi della relazione sul tema assegnato dagli organizzatori a Enzo: “Misericordia: pratiche di giustizia e di perdono”.
Nessuna introduzione, nessun cenno agli avvenimenti che a partire dal maggio del 2020 hanno sconvolto la sua storia personale, da quando cioè quel decreto singolare del Vaticano, approvato in forma specifica dal Pontefice, ha chiesto l’allontanamento a tempo indeterminato della comunità di Bose da lui fondata.

Enzo Bianchi al Festival della Filosofia, 18 settembre 2022 Enzo Bianchi al Festival della Filosofia, 18 settembre 2022 Enzo Bianchi al Festival della Filosofia, 18 settembre 2022

Sono emozionato.
Vedere tutta quella gente stretta ancora una volta ad ascoltarlo è la testimonianza concreta e visibile del grande significato che continua ad avere la figura di Enzo Bianchi per la fede personale di moltissime persone.
Enzo parla di Misericordia e Perdono abbattendo come sempre luoghi comuni, scuotendo coscienze addormentate di laici e credenti
“Il perdono deve entrare nelle Istituzioni, nella legislazione!” dice con fermezza.
E ancora:
“Se la giustizia  non trascende quella di scribi e farisei non entrerete nel regno dei cieli.”
Ma attenzione.
Enzo non aderisce alla macchietta con cui vengono dipinti scribi e farisei in molti pulpiti domenicali.
“Scribi e farisei sono studiosi della Legge, osservanti in buona fede della Legge!
La giustizia non deve essere bendata, ma deve guardare alle situazioni.”
Il pensiero di Bianchi, uomo di fede, ricalca con forza quello laico dei relatori che lo hanno preceduto, il giurista Luciano Eusebi  e il filosofo Umberto Curi.
Emblematico il commento ad un brano scandaloso delle Scritture , quello del padrone della vigna che dà la stessa paga a tutti gli operai,  anche  a quelli dell’ultima ora!
“Vogliamo davvero non dare la paga a tutti? Forse che anche quegli operai che rispetto agli altri hanno lavorato meno , non hanno una famiglia a cui provvedere? Non devono mangiare?
Il pensiero evangelico si posiziona attraverso questi racconti,apparentemente paradossali , potentemente contro ogni logica meritocratica, stando a fianco a chi da solo non gliela fa!”
Emerge parola dopo parola nella relazione di Enzo un concetto di Giustizia non astratta e generale , ma che sa guardare in faccia alle persone, che sa distinguere caso per caso, una concezione che oggi più  che mai scandalizza, ma che fa felice coloro che non hanno nulla.

E poi Enzo richiama alla memoria un brano evangelico particolarmente interessante.
“Una paginetta  – dice lui – che ha vagato  fino al sesto secolo, che non è stata subito accolta tra i rotoli riconosciuti dalla Chiesa come ufficiali e che solo dopo molto tempo ha trovato collocazione nel capitolo 8 del vangelo di Giovanni”.
Si tratta della pagina dell’adultera.
Secondo la legge ebraica l’ adulterio rientra nei peccati più gravi e quindi meritevole di una pena tremenda, la lapidazione.
Le osservazioni di Bianchi fanno pensare:
“Alle parole di Gesù  del ‘chi è senza peccato’,  tutti se ne vanno.
Restano Gesù e la donna.
Secondo i canoni morali attuali oggi si direbbe:
Donna sai cosa hai fatto?
Hai capito che hai compiuto una atto gravissimo ?
Sei pentita?
Gesù  invece non dà condizioni, non prescrive penitenze : va’ in pace, dice, è non peccare più!
Va’ in pace!
Questa pagina imbarazza tanto che la Chiesa di Oriente ancora nel 1000 non la considerava vangelo!
Perché la Chiesa, composta da uomini,  non è esente da pratiche contrarie alla giustizia!
Anche nella Chiesa di oggi si calpesta il diritto al buon nome … il diritto alla difesa, non riconosciuto come ai tempi dell’Inquisizione…” .
Le parole di Enzo arrivano scevre da ogni acredine, da ogni intento polemico, sono quelle di una persona addolorata ma serena , di una persona che ha vissuto sulla propria pelle in modo consapevole
le contraddizioni di una giustizia lontana dalla misericordia.

Non posso non pensare ai  fatti che come un uragano hanno travolto la figura di Bianchi, cambiato la sua vita a quasi ottanta anni, e destato incredulità e sconcerto  in tantissimi suoi amici e simpatizzanti
Ripenso alla dubbia utilità  del commissariamento da parte di padre Amedeo Cencini, delegato pontificio e psicoterapeuta canossiano, all’ulteriore divisione nella Comunità di Bose seguita al provvedimento di autorità vaticana, il clima di tensione crescente conseguenza di sentenze mai spiegate in modo chiaro neppure agli interessati, al conflitto sicuramente così non sanato tra Luciano Manicardi, successore di Bianchi nel priorato di Bose, e il fondatore stesso Bianchi, fino alla fuoriuscita da Bose di 37 fratelli e sorelle e ad un grande numero di ospiti che da allora non hanno  più frequentato la comunità!

“E’ quella della misericordia una realtà che tocca tutti.continua Bianchi – Nella nostra vita abbiamo conosciuto se va bene la calunnia, se va male il tradimento .
Quindi tutti abbiamo occasione di Misericordia.
Il perdono è un cammino lungo, ricco di regressioni, immagini di sofferenza che ritornano alla mente e che possono allontanarci da una remissione.
Non è facile per nessuno.
Io guardo a Cristo.
Cristo sulla croce non ha detto a quelli che lo stavano torturando ‘Io ti perdono’, ma ha detto: ‘ Padre perdonali tu! Io non ce la faccio!’.

Conclude Bianchi con un ricordo emblematico sulla difficoltà di questo cammino, un ricordo legato al periodo di studi a Gerusalemme.
“Sono stato a Gerusalemme alla scuola del grande rabbino David Flusser.
A lezione diceva  sul perdono dei nemici voluto da Gesù  che gli ebrei non ce la faranno mai, se c’è qualcuno che ci riesce è uno che fa i miracoli come lui!!”.

Un lungo applauso accompagna le parole di ringraziamento finale di Bianchi a chi è venuto ad ascoltarlo, a portargli vicinanza, sostegno al suo lungo cammino di ricerca sull’ecumenismo, sull’impossibile  realtà della misericordia, che va oltre le contrapposizioni,  le incomprensioni, per chi  non vuole stare da una parte contro l’altra, ma sempre a fianco di ogni uomo.

Nota: le foto nel testo sono di Roberto Paltrinieri


Commento

  • Un padre, oserei dire, laico che soffia sulle ” certezze ” della fede, mettendo in luce le ombre. La giustizia non può essere rinchiusa in una norma, ma deve essere capace di contestualizzare, analizzare e personalizzare gli eventi.
    Anche ladulterio, il giusto compenso e il perdono vengono analizzati con occhi non miopi, ma caoaci di vedere oltre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roberto Paltrinieri

Roberto Paltrinieri

Ti potrebbe interessare:

  • GUERRA e PACE

  • PAROLE e FIGURE /
    Bruttina a chi? A me no di certo…

  • Davanti al maestro e alla maestra passa sempre il futuro

  • Bosco del Corniolino

    IL BOSCO DEL CORNIOLINO
    e gli altri boschi: da comprare per conservarli intatti

  • Lampedusa

  • Arriva «Ultimo Rosso» seconda edizione
    La poesia itinerante a Ferrara: Sabato 8 ottobre

  • INTERNAZIONALE 2022
    L’età e la vita nel cambiamento

  • Storie in pellicola / Favino fuoriclasse

  • SARURA di Nicola Zambelli

  • MILANO, ROMA, BOLOGNA…”SIAMO TUTTI MASHA”
    Le piazze si riempiono di solidarietà alle donne iraniane

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi