Home > INTERVENTI > LA LETTERA
Chi ha paura dell’obiezione di coscienza? La risposta di Rino Bonora

LA LETTERA
Chi ha paura dell’obiezione di coscienza? La risposta di Rino Bonora

Tempo di lettura: 2 minuti

da: Rino Bonora

” Contrapporre l’obiezione di coscienza in ambito militare con la obiezione di coscienza sancita e prevista dalla Legge 194 – Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza – del 1978, è atto umanamente e politicamente vile, mosso alla radice da una cultura dominante ancora fortemente intrisa di tratti patriarcali e sessisti, costantemente “in guerra” contro la libertà di autodeterminazione delle donne, in quanto donne. ”

Così affermano (sicut litterae sonant!) l’UDI e la CGIL di Ferrara in un comunicato congiunto apparso domenica 17 aprile su estese.com e sulla Nuova Ferrara.

Il bersaglio dell’affermazione sopra riportata non può essere che Patrizio Fergnani, il quale aveva espresso la sua rispettabile opinione sull’obiezione di coscienza. Ebbene, ritenere umanamente e politicamente vile il comportamento di chi esprime idee difformi da quelle proprie di UDI e CGIL (tutta la CGIL?), mi sembra un modo inaccettabile, inquisitorio e antidemocratico di partecipazione a un dibattito che meriterebbe ben altri toni.
Nell’esprimere piena solidarietà a un uomo come Fergnani, che ha sempre testimoniato coraggiosamente la fedeltà ai suoi principi, rilevo che Patrizio ha semmai accomunato (“giustapposto”, potremmo dire) l’obiezione di coscienza al servizio militare e quella consentita dalla legge 194. Chi le “contrappone” è semmai l’UDI, congiuntamente alla CGIL, come risulta dal comunicato a firma delle due organizzazioni. E se “contrapporre” le due forme di obiezione è “umanamente e politicamente vile”… quale conclusione dovremmo trarre, care amiche dell’UDI e della CGIL?

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi