Home > IL QUOTIDIANO > LA LETTURA
Tipi originali: una fantasiosa flash fiction in 62 pennellate
Tempo di lettura: 3 minuti

luigi_annibaldiEntrare nel mondo di Luigi significa non volerne più uscire, rimanere incatenati a una fantasia sfrenata che attira anche i più timorosi. Qualcuno li chiama flash fiction per l’estrema brevità, in questo caso 62 brevi racconti in sole 112 pagine, titolo compreso. Scenari ironici e fanta-reali che estraniano il lettore, momenti avvolgenti che portano a un mondo strano e unico che fa sentire, nei propri pensieri, lo sguardo curioso di uno scrittore fuori dal coro. Parliamo di “Sushi Pin-up”, del giovane Luigi Annibaldi, uno di quei libri che stupiscono fin dalle prime pagine, che fanno immediatamente comprendere come l’ironia sia una perfetta e immediata medicina. Giochi di parole con una verve inventiva originale.
Se avete qualche pensiero, qualche preoccupazione o disagio, prendetevi un paio d’ore, allora, e perdetevi tra queste pagine. Non avrete un attimo, infatti, per distrarvi e pensare minimamente a qualsiasi cosa di negativo che vi possa turbare. Annibaldi crea scenari surreali, spigliati, allegri e imprevedibili, spesso esilaranti e inaspettati. Un mondo che vi avvolgerà millimetricamente, che vi invischierà, increduli, nelle situazioni più paradossali e inimmaginabili.
sushiPasserete, sempre ridendo, dalla piccola donna in posa da pin-up nel piatto di sushi cosparso di soia, al vivace bambino a scuola che si diverte a urlare la parola “cacca”, strettamente proibita a qualsiasi giovane che stia crescendo, all’uomo che, starnutendo, fa uscire la sua anima dal naso, fino all’aggiustadifetti che, disoccupato, per dispiacere, si difetta. Per non parlare, poi, del testamento invisibile di un uomo invisibile, morto investito da una macchina che non l’ha visto attraversare: una bella pagina bianca. Geniale. Il mio preferito. In questo mondo, quando, in Paradiso, un’anima subisce un torto da un’altra anima, regolerà i conti reincarnandosi nel neonato più paffuto e robusto di tutti. Se il punto di vista è quello di un cane, si potrà comprendere quanto è triste e dignitoso non permettere al padrone di essere abbandonati. Ci sono, anche, la porno croupier, l’uomo perfetto, la regina dell’uva, il vicino di casa, la donna che vive una perfetta vita immaginaria, l’uomo che vuole farsi spuntare i capelli dal barbiere e che, invece, si fa tagliare via il naso, il caffè che fa strane bolle, il signore col singhiozzo, il professore che perde la voce, i vecchietti che si lamentano alle poste (e ovunque). Da qualunque racconto si inizi, qualunque pagina si decida di scorrere, la sorpresa è tanta e si resta, comunque, attoniti. Ci si ritrova, sempre, in un altro mondo. Davvero divertente.
Uno scrittore curioso, originale e unico. Da scoprire.

Luigi Annibaldi,, Sushi Pin-Up, Omero edizioni, 2013,, pag.106

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Caminetto fuoco
Il camino e lo spirito di Roman
Sardine: la fantasia e l’ironia contro l’oscuramento
Confermata la manifestazione di sabato sera in piazza Castello
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Le buone pratiche dei luoghi virtuosi (e quel pizzico di necessaria fantasia)
L’isola del tesoro

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi