COMUNICATI STAMPA
Home > Primo piano > La luna blu che ci aspetta la sera
massimo-bisotto
Tempo di lettura: 3 minuti

Era già stato un caso editoriale nel 2012, con “La luna blu”, un’immagine che ritorna, oggi, sull’accattivante e delicata copertina del suo ultimo libro “Il quadro mai dipinto”. Così il romano Massimo Bisotti, autore appassionato di musica e psicologia, ci riporta nel mondo dei sogni, dell’amore incondizionato e della perfezione, o meglio, della ricerca disperata di essa. Ed ecco, allora, la coinvolgente storia di Patrick, insegnante e pittore, ossessionato dall’idea della perfezione, con la sindrome del quadro mai dipinto, che lo perseguita a tal punto da non riuscire mai a terminare un’opera.
In quest’atmosfera, Patrick dipinge la donna che ama da sempre, ma, un giorno, volendo rivedere la tela nella quale l’aveva ritratta, lasciata in soffitta, scopre che la figura della donna è sparita. Con lui, rimaniamo a bocca aperta, ritornandoci alla mente il bello ed elegante giovane Dorian Gray, lontano e sbiadito tenero ricordo.
«Continuate a commettere errori di felicità. Fatemi e fatevi questa promessa. È una promessa che potete, anzi, dovete rinnovare, ogni trecentosessantacinque giorni, per tutta la vita». Queste sono le parole con cui Patrick lascia i suoi allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. È l’ultimo giorno di lezione, non ci sarà più l’anno prossimo perché ha chiesto il trasferimento a Venezia per ricominciare una nuova vita. Quell’ultimo giorno l’insegnante chiede ai suoi ragazzi di disegnare l’amore, cosi come se lo immaginano, poco importa la tecnica. E anche se lui non potrà vedere le loro opere, li esorta a realizzarle ugualmente. Perché l’artista ogni giorno deve iniziare di nuovo a lavorare dal punto nel quale è rimasto. Sempre. La perfezione…
Durante il volo che lo porta alla città lagunare, però, Patrick sbatte la testa e qui iniziano i suoi vuoti di memoria. Gli resta solo un punto di riferimento, un biglietto in tasca con un indirizzo e un nome di Venezia, Residenza Punto Feliz, dove ovviamente si reca.
Ad accoglierlo vi saranno il generoso, saggio e gentile Miguel, il proprietario della pensione, Vince, un gondoliere con una storia d’amore fallita alle spalle e il piccolo Enrique, un bambino vivace e curioso. Patrick si rifà così una nuova esistenza, consapevole, tuttavia, di essere sempre alla continua ricerca di qualcosa. Durante una festa incontra Raquel e comprende quasi subito che è lei la donna fuggita dal suo quadro, desiderata e mai dimenticata. Tanti ricordi e colpi di scena s’intrecciano. L’atmosfera creata è magica, unica, avvolgente, travolgente, coinvolgente. Una poesia dalla quale si comprende che l’ossessione che abbiamo spesso della perfezione ci allontana dall’autenticità e che il mostrarci autentici, sinceri e genuini agli occhi degli altri ci permette di essere amati per quello che realmente siamo. E soprattutto ci porta ad accettare noi stessi (l’impresa spesso più ardua), primo passo per farci ben volere e amare dagli altri. Ben scritti anche i dialoghi, le frasi d’amore, i sentimenti e le espressioni che ognuno di noi vorrebbe sapere comunicare o ricevere.
Incantevoli il passeggiare per Venezia e la descrizione dei suoi luoghi più belli. Facile, poi, immedesimarsi nei personaggi e nei loro pensieri. Dedicato “a chi va controcorrente ma mai controcuore”.
Da leggere.

Il quadro mai dipinto, di Massimo Bisotti, Mondadori, 2014, 221 p.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
L’isola del tesoro
L’importanza dei particolari
Delitti e segreti alla corte estense. Il nuovo romanzo di Elettra Testi
Alberto Schiavone presenta Dolcissima abitudine alla libreria Altrove

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi