28 Gennaio 2015

LA META
Indonesia, terra di contrasti e di sorrisi

Silvia Malacarne

Tempo di lettura: 6 minuti

indonesia

Quando sono andata in Indonesia per la prima volta, non avevo idea che mi sarei innamorata così follemente di questa terra. Nonostante io avessi solo 7 anni avevo la fortuna di essere già entrata in contatto con tanti popoli, culture e tradizioni diverse. Ma qualcosa di questo Paese mi ha colpito fin dal primo istante, al punto che una parte di me non è mai più tornata in Italia. Nel nostro Paese se sorridi a qualcuno per strada, magari solamente perché per te è una bella giornata, la gente ti guarda in modo strano o si gira dall’altra parte. In Indonesia invece le persone ti sorridono e ti salutano senza un perché, i bambini ti rincorrono e la gente ti invita nei propri villaggi per offrirti latte di cocco e tapioca. E’ un popolo con tante lacune e tanti difetti, ma a cui non manca mai il sorriso sulle labbra. Anche chi vive di quel poco che coltiva, è sempre disposto ad offrire ciò che ha.
E’ il Paese-arcipelago più grande del mondo, in cui vivono oltre 300 etnie diverse, con culture, religioni e lingue differenti. E’ un luogo così variegato che andrebbe esplorato in ogni suo antro. Vi sono spiagge mozzafiato, colorate dalle tante tipiche barchette ancorate sulla spiaggia. Il mare è cristallino e ospita sempre pescatori che da esso traggono ciò di cui vivere. Vi sono tantissime e diverse escursioni da fare a disposizione del turista.
Una delle esperienze più belle, a livello umano, è trascorrere una giornata nei villaggi locali, ad esempio quelli “sasak”, abitanti dell’isola di Lombok. Si entra in contatto con le loro più antiche tradizioni, la loro cultura, i loro usi e costumi, costeggiando risaie piene di mondine, campi di tabacco e peperoncino. Da piccola andai nella “fabbrica” del sale: nella mia ingenuità mi aspettavo di vedere macchinari e attrezzature specifiche, ma rimasi colpita nel vedere questi giganteschi coni bianchi di sale che assomigliavano ad enormi gelati al fior di latte. Per ricavare il sale si limitavano a far evaporare l’acqua al sole, nella maniera più naturale possibile. Anche il mercato del pesce ha il suo fascino, anche se è triste vedere quanti squali vengono sacrificati a scopo di lucro.
Dal punto di vista religioso il Paese è estremamente vario. Il motto indonesiano recita “Bhinneka tunggal ika” che significa “Unità nella diversità”, ad indicare la grande tolleranza nei confronti delle differenti religioni che convivono pacificamente. Numerosissime moschee dalle cupole lucide e colorate risuonano in ogni dove, cinque volte nell’arco della giornata. I fedeli si riuniscono seguendo i dettami del loro credo e le preghiere che, per chi le sente la prima volta possono essere fastidiose, ma poi diventano a mano a mano una cantilena piacevole che riempie il silenzio della notte. A pochi metri dalle moschee sono visibili templi indù, con le statue tipicamente vestite con colorati abiti locali e le numerose offerte agli dei. Merita di essere visitato il Tanah Lot, un tempio a Bali, situato in un isolotto roccioso nel Pacifico, dedicato alle divinità marine. Anche il Buddhismo ha un’ampia diffusione, il tempio di Borobudur, situato nel centro dell’isola di Java, è il monumento più visitato di tutta l’Indonesia.
Per me che sono un’amante della natura, questo arcipelago è decisamente il luogo giusto. Vi sono spiagge di ogni colore, nere per la sabbia vulcanica, bianche e morbide come farina, rosa perchè costituite di corallo rosso sbriciolato dall’azione delle onde marine. Vi sono foreste tropicali che tolgono il fiato… ricordo la prima volta che visitai le cascate dell’isola di Lombok, dove ogni passaggio sembrava un ostacolo. Attraversare torrenti gelati, passare su ponti forati e senza alcuna ringhiera, camminare all’interno di tunnel bui dove occorre soppesare ogni passo, sono esperienze uniche che consiglierei a chiunque.

Ma come ogni luogo, anche l’Indonesia ha i suoi punti deboli: l’elevato tasso di corruzione, una sanità estremamente arretrata, l’inquinamento ambientale e urbano causato dalla deforestazione, dagli incendi e da una pessima gestione dei rifiuti. Sono tutti problemi seri, a cui però il governo fatica a porre rimedio.
Per sfatare un luogo comune, occorre inoltre sapere che l’Indonesia, come invece molti credono, non è da classificare a tutti gli effetti come un Paese del cosidetto Terzo Mondo. Un aspetto particolare del luogo è infatti l’evidente accostamento di modernità e povertà. Vi sono città come Jakarta, Medan e Surabaya dove lo sviluppo è stato imponente ed è quindi normale vedere, per le strade, maxi schermi e tecnologie all’avanguardia. In alcune zone invece, come nei piccoli centri abitati o nelle isolette, è paradossale vedere villaggi con ingenti parabole a fianco di casupole dal tetto ricoperto di alang-alang (una lunga erba verde). Qui molte persone vivono ancora senza elettricità, né acqua calda.
L’Indonesia è un Paese che sta crescendo sotto tutti i punti di vista, specialmente per quel che riguarda la tecnologia. Negli annunci pubblicitari che costeggiano numerosissimi le strade, rendendole vive e colorate, è pazzesco notare quanti di questi reclamizzino le compagnie telefoniche. Molti indonesiani, per quanto assurdo possa sembrare, vivono in villaggi su strade sterrate, mangiando ciò che pescano e producono, ma possiedono uno smartphone e ricevono il segnale radiotelevisivo. E’ come se la crescita tecnologica non andasse di pari passo con lo “sviluppo antropologico”. E mi riferisco anche a questo quando parlo di lacune. Il tasso di alfabetizzazione e scolarizzazione è aumentato notevolmente, ma una parte della popolazione resta analfabeta e ignorante, quindi non in grado di capire quali sono le vere priorità. Nonostante tutto, anche chi potrebbe essere classificato come ‘povero’, ha una ricchezza interiore che a molti ‘ricchi’ manca. Basta guardare gli occhi dei bambini, che nudi corrono sulla spiaggia, per innamorarsi di questo popolo e di questo paese che offre ai visitatori infinite meraviglie.
Diversità linguistiche, diversità etniche, diversità religiose, diversità culturali e diversità sociali che però hanno saputo, nel corso degli anni, trovare un loro equilibrio, vivendo ora in uno stato di armonia.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Silvia Malacarne

Silvia Malacarne

Ti potrebbe interessare:

  • interno autobus semivuoto

    Diario di un agosto popolare
    9. LA METRO, IL BUS E LO SCOOTER

  • Maternità parallele in un dramma collettivo:
    Almodóvar colpisce ancora

  • TERRA & ACQUA DA SCOPRIRE.
    La  Ciclabile Burana

  • Il treno di Margherita
    …un racconto

  • fiume bambini pesca alberi

    Agosto 1959 – Gli zufoli di Sambuco

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi