Home > IL QUOTIDIANO > La mosaicista Silvia Colizzi inventa il “musaico”: polvere di vita, d’arte e poesia

La mosaicista Silvia Colizzi inventa il “musaico”: polvere di vita, d’arte e poesia

mosaico
Tempo di lettura: 6 minuti

“La materia frammentata, polverizzata, dissolta, poi catturata e racchiusa in nuove forme in divenire: polvere di vita. Il mosaico come metafora di vita”, queste sono le parole introduttive dalla recente e fortunata personale “Polvere di Musaico” dell’artista Silvia Colizzi.

silvia colizzi

Silvia con i suoi allievi

Silvia Colizzi, insegna da oltre vent’anni a Ravenna presso l’Istituto d’Arte per il Mosaico “Gino Severini”, ora “Liceo Artistico Nervi-Severini”, dove contribuisce allo sviluppo delle individualità degli studenti, secondo una visione globale, olistica, che rimanda al mosaico come totalità formata da frammenti e che chiama Musaico, con diretto riferimento etimologico alle muse. Silvia, con la sua opera, cerca la via del ritorno alla fonte originaria del mosaico, perché lo ritiene metafora di vita, di quella vita intrisa di semplicità, spontaneità e amore, della quale mai più di oggi si avverte il bisogno.
I “Mosaici in movimento di Silvia Colizzi” sono stati protagonisti a Praga, nel 2014, del progetto “Musa-ico: from the Interior Mosaic to the Social One“ (Musa-ico: dal Mosaico Interiore a quello Sociale), in collaborazione con la mosaicista Magdalena Kracik Storkanova. Il laboratorio ha prodotto “Women Sound“, opera realizzata dalle partecipanti al progetto. Tra i tanti incontri internazionali segnaliamo quello con la mosaicista Lillian Sizemore, di San Francisco, interessata alla vita e alle opere di Gino Severini, considerato il padre del mosaico moderno.

silvia colizzi

Silvia Colizzi

I suoi mosaici, o per meglio dire musaici, esprimono arte, corpo, anima…
I miei musaici, così amo chiamare i miei lavori, sono impasti materici dai quali s’intravvede la struttura interna del lavoro stesso, ora fili di ferro ora legno o vetro, che affiorano nudi e crudi dalla malta. La malta diviene la protagonista, la vera e propria anima del mosaico, capace di riunire in nuove forme così tanta frammentarietà. Dal legante affiorano tessere musive compatte o sgretolate, fino a diventare vera e propria polvere: eterei granelli di polvere di stelle come ancestrali frammenti di Dna, distillati e pronti a rinascere al suono di ritmi e andamenti esistenziali oggi dimenticati e schiacciati da fugaci patine superficiali. Tessere musive, per quanto vicine o distanti, coese tra loro seppur così diverse le une dalle altre, allo scopo di creare insieme un’opera unitaria.

silvia colizzi-opera

Un’opera di Silvia Colizzi

Il mosaico come metafora di vita?
Sì, il mosaico vera e propria metafora di vita, l’espressione tangente del riunire insieme idee, emozioni, persone, per ricercare e creare nuove armonie, sia personali sia collettive, e condividerle nel percorso di vita che ci accomuna. Percezione e ricerca artistico-psicopedagogica, coniugata dalla mia stessa esistenza di donna, madre, educatrice, insegnante. La natura e l’esperienza esistenziale sono le mie vere e proprie maestre di vita, una vita afferrata nelle sue svariate sfaccettature che vanno a ricomporre il mio, il nostro, mosaico interiore per poi farlo interagire con quello sociale.

“Polvere di Musaico” è anche performance, un’originale simbiosi tra materia e spettacolo…
L’opera più significativa, tra quelle esposte, per me è stata l’estemporanea del “Mosaico Vivente” che in quel contesto si è riunito: amici, colleghi, alunni, familiari e altri ancora, hanno preso parte alla performance “dell’inaugurazione” muovendosi fra le scenografie tratte dalla “Polvere di Musaico”. Grande convivialità, sotto lo sguardo di “Impasti di Polvere di Musaico”, con le gustose ricette associate ai miei lavori, ideate e preparate dallo chef Marco Banzola, con la musica di Luca Bombardi e la voce di Annagloria, con i passi di danza delle ginnaste di ritmica della Compagnia dell’Edera. E con le mie ‘poetiche musive’, mosaici di parole scaturiti tra cementi e sassi dai quali fanno capolino piante di verde edera, che avvinghiano la pietra ora grezza ora lavorata, e tagliata dalla martellina, come in “Anno Domini”, quadratura del cerchio della vita. La mia ricerca-azione musiva è ben rappresentata da quanto ha detto Marcello Landi all’inaugurazione: “Silvia Colizzi indaga il mosaico come se fosse un linguaggio, lo sta smembrando in tanti piccoli pezzi, come se fosse una lingua e cerca quella che è una sintassi originaria del mosaico”.

silvia colizzi-opera

Un’opera di Silvia Colizzi

Mosaico contemporaneo e tradizionale…
Oggi il mosaico contemporaneo si affianca a quello tradizionale, lo restaura, lo replica, lo reinterpreta, lo rende virtuale riassorbito da inafferrabili pixel presto dissolti nell’etere. Il mosaico diventa design, hobby e allo stesso tempo si contamina con la tarsia o il collage, s’impossessa, anche riciclandoli, dei più svariati materiali, perdendo sempre più la propria identità. Molti mosaicisti oggi imitano la realtà con un assiduo ricomporre con tessere foto o oggetti, pareti, pavimenti, usano la tecnica musiva integrata ad altre e allora nascono storie quasi a fumetti, altre volte sono tessere appese a fili o reti, oppure sono disseminate liberamente nello spazio senza più un legante a tenerle unite tra di loro, fino a sparire, lasciando solo la loro impronta: non è forse tutto ciò il sintomo della nostra contemporaneità? Uno spazio meraviglioso nel quale tutti si possono muovere ed esprimere, ma spesso anche uno spazio frenetico e meramente di superficie, forse solo tatuaggi sulla pelle del mosaico alla disperata ricerca della propria identità. Io, fin dai tempi dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna, la cui tesi s’intitolava “L’Altra Via dell’Arte Musiva – matericità a confronto”, ho sentito la necessità di andare sotto quella pelle, ormai coriacea e impermeabilizzata, che non lascia alcuna possibilità di traspirare, che nega la benefica osmosi tra lo spirito dentro di noi e quello universale fuori di noi. Per questo ho la necessità di far emergere la struttura interna, lo scheletro, la muscolatura, la linfa vitale, l’anima del mosaico, quella forza coesiva che unisce le parti nel tutto “forte di ogni forza l’Amore”, simboleggiata dal legante.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Ego, ergo sum
Alberto Poli, esploratore dell’inconscio
Un viaggio nell’arte surrealista di Ferrara
CRISI PANDEMIA: LA VERA SFIDA E’ LA COMPLESSITA’
Invece l’informazione e la scienza hanno prodotto confusione.
Pomposa: l’isola che non c’è più

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi