26 Marzo 2015

Aldo Manuzio che nel ‘400 si inventa i libri tascabili

Giorgia Mazzotti

Tempo di lettura: 6 minuti

libri-antichi

Un pezzetto dell’editoria moderna passa da Ferrara. La principale e antica biblioteca cittadina – che è l’Ariostea – dedica una mostra al padre degli editori: Aldo Manuzio. Un legame molto stretto, infatti, quello tra la città estense e l’editore-letterato che si inventa il concetto di stampa popolare in pieno Rinascimento. L’ambizione principale di Manuzio è quella di preservare e diffondere i capolavori della letteratura e della filosofia greca, nonché il grande patrimonio della letteratura latina, rendendoli il più possibile accessibili. Da questa idea di uomo appassionato di cultura nasce, quindi, il progetto editoriale. Manuzio riproduce a stampa opere e basi del sapere classico antico, in modo che si riesca a leggerli con facilità e acquistarli con prezzi meno proibitivi di quelli applicati fino ad allora.

“I preziosi volumi e le carte autografe che si possono vedere – racconta Mirna Bonazza, curatrice dell’esposizione e responsabile del settore manoscritti e libri rari dell’Ariostea – sono di proprietà della biblioteca comunale e sono arrivati qui, nei secoli, perché acquisiti direttamente da quella che era la biblioteca dell’antica università o perché oggetto di lasciti”.

Le edizioni aldine sono le prime che, negli ultimi dieci anni del 1400 e i primi del ’500, vengono realizzate in un formato quasi tascabile e con dei caratteri diversi dal gotico, appuntito e astruso, in uso fino a quel momento. Manuzio punta a far sì che il libro sia maneggevole e quindi piega in tre parti il foglio standard creando le edizioni dette “in ottavo”. Poi vuole che le parole stampate siano simili a quelle con cui si scrive e si legge abitualmente, che assomiglino insomma alla scrittura in corsivo. Perciò coinvolge un incisore tra i più qualificati dell’epoca, Francesco Griffo. Il professionista artigiano è già un affermato disegnatore di caratteri tipografici che dalla città natale di Bologna si è trasferito a Padova e poi a Venezia. Manuzio gli commissiona dei caratteri che si possano leggere con facilità. E Griffo glieli fa, creando le matrici per quelli che ancora oggi sono noti come caratteri aldini. A partire dal 1494 Griffo disegna per Manuzio almeno sei serie di caratteri tondi e quattro serie di caratteri greci, che vengono utilizzati per la stampa. Svariati tipi di quei libri antichi li possiede la Biblioteca comunale Ariostea di Ferrara, che ora li mette in mostra.

stampa-libro-aldo-manuzio-rinascimento
Aldo Manuzio, padre dell’editoria moderna, è protagonista con le sue opere a stampa della mostra alla Biblioteca Ariostea di Ferrara

Vedere questa raccolta è un po’ un pellegrinaggio nel cuore della letteratura classica che la città estense ha coltivato. La tomba dell’Ariosto fa da sfondo alle teche con i primissimi esemplari di libri di Manuzio editore. C’è un “Alphabetum Graecum” stampato nel marzo del 1495 con una prefazione dello stesso Manuzio. Sempre con i caratteri greci, si possono ammirare l’opera del poeta greco Museo Grammatico intitolata “Opuscula de Herone et Leandro” e dedicata alla tragica vicenda degli amanti Ero e Leandro; l’opera di Esiodo “Erga et Himerae”; poi “Ethica ad Nicomachum” di Aristotele. In latino c’è la “Omnia opera” del Poliziano, edita nel 1498. Ma ci sono anche capolavori in volgare e – tra questi – la prima opera scritta nella lingua italiana pubblicata da Manuzio e considerata dagli storici come il libro più pregiato dell’arte tipografica rinascimentale: è la “Hypnerotomachia Poliphili” di Francesco Colonna. La stampa del sogno del combattimento amoroso di Polifilo è datata dicembre 1499, suddivisa in due parti e con il testo arricchito da centosettanta xilografie. Sempre in lingua volgare è l’incunabolo – cioè il volume stampato con la tecnica dei caratteri mobili – delle “Epistole devotissime” di Santa Caterina da Siena, del settembre 1500, con dedica autografa dello stesso Aldo Manuzio. Il prezioso esemplare è arrivato qui dopo una serie di passaggi, che la curatrice racconta. “A comprare l’opera e portarla a Ferrara – spiega Mirna Bonazza – è Celio Calcagnini, umanista, scienziato e diplomatico italiano, al servizio del Ducato di Ferrara, che poi lo dona al convento di San Domenico. Il volume arriva nella biblioteca pubblica in seguito alle soppressioni conventuali della fine del ’700”.

hypmnerotmachia-poliphili-stampa-libro-aldo-manuzio-rinascimento
“Hypmnerotmachia Poliphili”, particolare della stampa del libro in volgare edito da Aldo Manuzio ritenuto tra i più pregiati del Rinascimento

Il legame con la città estense, comunque, non è solo con gli acquirenti di questi libri. Manuzio a Ferrara si è formato, ha studiato alla sua università con Guarino Veronese come professore di greco e la città estense resta un punto di riferimento per tutta la vita. A testimoniarlo un documento particolarmente pregiato: il testamento olografo, scritto da Manuzio stesso a Ferrara nell’agosto 1511. Al notaio cittadino Simone Gillini Manuzio consegna il documento compilato di suo pugno, dove dispone la suddivisione dei beni tra i tre figli, quello che va alla moglie e la gestione dell’azienda. Tra i commissari incaricati di vigilare sul rispetto di queste indicazioni è chiamata in causa niente meno che la duchessa di Ferrara, Lucrezia Borgia. Buona visione e buona lettura.

La mostra “Aldo Manuzio: umanista, tipografo ed editore nelle collezioni antiche della biblioteca comunale Ariostea” è visitabile a ingresso libero tutti i giorni di apertura della Biblioteca comunale: dal lunedì al venerdì ore 9-19, sabato ore 9-13. Fino al 30 aprile in Palazzo Paradiso, via Scienze 17 a Ferrara.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giorgia Mazzotti

Da sempre attenta al rapporto tra parola e immagine è giornalista professionista. Laurea in Lettere e filosofia e diploma dell’Accademia di belle arti, collabora con la rivista del “Gambero Rosso”, il periodico “Econerre” sull’economia dell’Emilia-Romagna e “CasAntica”. Per la Provincia di Bologna ha curato il sito “Turismo in pianura” e le segnalazioni su “Emiliaromagnaturismo” dedicate ad arte e cultura, gastronomia ed eventi del territorio.
Giorgia Mazzotti

Ti potrebbe interessare:

  • Save The Park: oggi, alle 16,30 il flash mob al Parco Urbano Bassani
    (Lettera ad un sindaco duro d’orecchi)

  • terra ambiente economia sostenibile generazioni

    PRESTO DI MATTINA /
    Non è una utopia

  • Primi scatti da Internazionale Ferrara

  • RICERCA E SOLIDARIETÀ
    Nistagmo, questo sconosciuto

  • ELEZIONI: “Si respira aceto”
    e a seguire: “Il lavoro da morire”

  • Parole a capo
    Roberta Lipparini: “Nei titoli di coda”. Parole in libertà ma senza debordare troppo…

  • the end, fine, capolinea

    ELEZIONI: IL PD A FINE CORSA?
    Non basta un congresso e un nuovo segretario, dovrà cambiare un’intera strategia politica

  • DONNA, VITA, LIBERTÀ
    Può succedere a Ferrara…

  • Parole e figure /
    La signora Bigodino, la la la la la

  • Un’analisi del voto: Meloni, Conte, Schlein e il problema della rappresentanza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi