Home > IL QUOTIDIANO > La notte dei morti
Tempo di lettura: < 1 minuto

Quella del due novembre non è una notte come le altre. In questo giorno si lascia il razionale da parte. È il giorno dove le candele illuminano il sentiero a chi non è più di questo mondo. Il giorno della preghiera, degli antichi riti, della fiamma, dei tre segni della croce, dello specchio coperto, dell’acqua che si trasforma in sangue se usata non correttamente. È il giorno dei morti che si fanno vicini. È la notte con le loro processioni. Il momento nel quale i più coraggiosi vedranno l’incedere di chi fu, nell’acqua del bacile messa vicino alle finestre. La notte del riflesso nel buio. Delle ombre che si muovono. Delle chiese lasciate aperte. Dei cimiteri che si illuminano. La morte, in questo giorno, torna ad essere una questione della vita.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PRESTO DI MATTINA
L’amore che sparge il buon profumo tra la gente
FOGLI ERRANTI
SCAMPOLI DI LOCKDOWN (4)
Tana libera vecchio
NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI
Mummia, morte, tombe
Zia Costanza e la tomba di Kha e Merit

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi