31 Marzo 2020

La pietra e la fionda:
#andràtuttobenesenontorneràtuttocomeprima

Giovanni Fioravanti

Tempo di lettura: 4 minuti

Ricordate i versi di Quasimodo?
“Sei ancora quello della pietra e della fionda,
uomo del mio tempo eri nella carlinga.” .

Ora che il tempo è sospeso, sono annullate le distanze dal passato più remoto, scopriamo che il pericolo muta volto ma non ha epoca. Non c’è ieri, non c’è oggi, non c’è domani, una linea continua dove si perdono le tracce del principio e non si intravede la fine. L’autoconservazione è il nostro salvavita da sempre, con quello siamo apparsi sulla Terra e qui siamo cresciuti. Avevamo appreso dai millenni che a minacciare la nostra sopravvivenza poteva essere il diffondersi di malattie contagiose. Eppure, considerata la scienza e la tecnologia che ci separano dai nostri antenati, siamo ancora a combattere a mani nude; è come se continuassimo a difenderci con la pietra e con la fionda come i nostri più lontani progenitori. Occorrerebbe scuotersi dal principio del piacere, dall’appagamento dell’io, per ritornare al principio di realtà, e sarebbe necessario farlo prima che il principio di realtà si trasformi nuovamente in Thanatos, nel principio di morte.

Potremmo scrivere una lista da vertigine elencando i pericoli con cui continuiamo e continueremo a convivere, se dopo l’esperienza globale di questi mesi tutto tornerà come prima.
Innanzitutto l’impiego delle armi nucleari, i più anziani ricorderanno l’epoca di John Kennedy, quando nel 1961 si sfiorò per davvero la guerra atomica e il disastro mondiale a seguito dei missili installati a Cuba dalla Russia di Chruščëv.
I cambiamenti climatici
,l’esaurirsi delle risorse del pianeta, le diseguaglianze negli standard di vita, che al momento hanno prodotto grandi flussi migratori, ma che un giorno potrebbero esplodere con tutta la virulenza dell’ingiustizia che rappresentano. Basta pensare che 60 milioni di italiani consumano quasi il doppio del miliardo di individui che popolano l’intero continente africano.
Sarà il caso di non dimenticare che negli ultimi decenni alcune nuove malattie, purtroppo fatali come il colera, l’ebola, le infezioni virali acute, l’Aids e altre, sono state ‘importate’ nei paesi ricchi da viaggiatori che arrivavano da zone dove quelle stesse patologie sono endemiche e la prevenzione a livello sanitario quasi nulla. Episodi simili sono purtroppo destinati ad aumentare.
Infine i fondamentalismi. Le psicopatologie dei singoli. Il fondamentalismo islamico, che sembra essere assopito, ma che continua a covare sotto la cenere.

Il silenzio, l’isolamento con la nostra paura di questi giorni, chiusi nelle nostre tane per sfuggire al flagello della natura ribelle, ci fanno sentire più forte la nostalgia del futuro, quello stesso futuro che prima della pandemia pareva essere stato cancellato dalle nostre prospettive. La liberazione non sarà quando potremo ritornare alle nostre routine, alla vita come la consideravamo normale nei giorni precedenti alla nostra quarantena. La liberazione non ci sarà, se uscendo dall’emergenza ci comporteremo come se ci fossimo risvegliati da un brutto incubo. Sarà possibile solo a patto che da questa pandemia mondiale esca una umanità più adulta. Una umanità per la quale valga la pena avere nostalgia del futuro, perché in quel futuro saremo impegnati con tutto noi stessi, con la forza della ragione e dell’intelligenza a cancellare dai nostri orizzonti qualunque causa prodotta dall’uomo che porti con sé l’ombra della morte.

Quando smantelleremo le basi missilistiche nucleari, per praticare finalmente una pace non più armata. Quando porremo fine alla concorrenza internazionale nella gara all’accaparramento delle risorse. Quando prenderemo sul serio il destino del nostro pianeta insieme a quello della nostra sopravvivenza. Quando condivideremo valori e un profondo senso di identità, quando uno per uno ci assumeremo la responsabilità d’essere umani, gli uni con gli altri, e tutti insieme ci faremo carico del nostro ambiente di vita e delle sue risorse.
Jared Diamond, nel suo ultimo libro, Crisi: Come rinascono le nazioni, ci ricorda che per ottenere un miglioramento stabile delle condizioni di vita sul nostro pianeta, basterebbe che tutti i paesi del mondo si accordassero su tassi di consumo decisamente inferiori a quelli del mondo avanzato.
Nulla fa pensare che usciremo dall’incubo del virus con una nuova consapevolezza, tanto meno con l’intenzione di sacrificare i nostri standard di vita per aiutare gli altri. Come ebbe a dire Dick Cheney, vicepresidente degli Stati Uniti all’epoca di George W. Bush, “l’american way of life non si discute”.
A meno che, usciti dall’emergenza, dietro alla porta ad attenderci non ci sia la nostalgia per il futuro, ma un futuro non desiderabile, peggiore del pericolo appena scampato.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giovanni Fioravanti

Docente, formatore, dirigente scolastico a riposo è esperto di istruzione e formazione. Ha ricoperto diversi incarichi nel mondo della scuola a livello provinciale, regionale e nazionale. Suoi scritti sono pubblicati in diverse riviste specializzate del settore. Ha pubblicato “La città della conoscenza” (2016) e “Scuola e apprendimento nell’epoca della conoscenza” (2020). Gestisce il blog Istruire il Futuro.
Giovanni Fioravanti

Ti potrebbe interessare:

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • Le storie siamo noi

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

  • NON SERVE “IL DOCENTE ESPERTO”.
    Fare scuola è come fare il ragù: competenza e passione

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi