Home > IL QUOTIDIANO > IL RICORDO
Srebrenica, vent’anni dopo
srbrenica
Tempo di lettura: < 1 minuto

Ventanni fa, l’11 luglio 1995, si è consumato quello che è stato definito “il più feroce massacro in Europa dai tempi del nazismo”. A Srebrenica, località non distante da Sarajevo, all’epoca posta sotto tutela dell’Onu, in pochi giorni oltre ottomila bosniaci musulmani – uomini, bambini e anziani, tutti maschi – furono barbaramente uccisi dai miliziani serbo-bosniaci di Ratko Mladic e dalle cosiddette “Tigri di Arkan” di Željko Ražnatović a seguito del conflitto etnico che lacerò e devasto la ex Jugoslavia.

Srebrenica, vent’anni dopo

Vent’anni, appena ieri.
Migliaia di persone uccise
perché chiamavano Dio
in un modo diverso

Il mattino è un bagliore bianco
e ha voci ormai stanche
di donne in lacrime
nel mare dei cippi

Dire che è stato un crimine assurdo
è una consunta verità. Di cosa
è capace l’uomo? Non lo so.

I bambini vorrebbero dormire
ma non ci riescono. Inchiodati
guardano il cielo strappato

Vent’anni, appena ieri.
Un soffio di morte percorre
queste terre che nascondono
sempre nuovi orrori,
dove il pianto è infinito,
dove siamo caduti nell’abiezione
senza più rialzarci

(11 luglio 2015)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PER CERTI VERSI
Infanzia
PRESTO DI MATTINA
Passare dall’altra parte con cuore non incerto
Marzo 2060
PRESTO DI MATTINA
Nube ombra di luce

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi