Home > COMUNICATI STAMPA > La priorità è il lavoro. Appello a sostegno della manifestazione della Cgil del 25 ottobre

La priorità è il lavoro. Appello a sostegno della manifestazione della Cgil del 25 ottobre

cgil-manifestazione
Tempo di lettura: 3 minuti

“Lavoro, dignità, uguaglianza per cambiare l’Italia”. A sostegno delle motivazioni che sono alla base della manifestazione nazionale indetta dalla Cgil a Roma per sabato prossimo (25 ottobre) è stato redatto e sottoscritto un appello di adesione da parte di trenta cittadini ferraresi che ne condividono i presupposti e invitano alla partecipazione. #tutogliioincludo
Il lavoro che manca è l’urgenza del Paese, che brucia il futuro delle giovani
generazioni e costringe milioni di persone alla precarietà. La politica del governo non
affronta questo dramma anzi da’ continuità alle politiche liberiste fin qui praticate dai
predecessori: tagli di spesa pubblica che alimentano la spirale recessiva e liberalizzazioni
del mercato del lavoro che accentuano la precarietà.
Con il Jobs Act il Governo si spinge dove non erano riusciti i governi di destra:
svuotare a fondo lo Statuto dei diritti dei lavoratori incidendo così sulle tutele che
garantiscono la libertà e la dignità dei lavoratori e delle lavoratrici, la tutela dal
licenziamento arbitrario, la tutela della dignità professionale del lavoratore, il diritto di non
essere video-sorvegliati.
La Costituzione, che era entrata nei luoghi di lavoro con lo Statuto, ne verrebbe
espulsa.
Lo si vorrebbe fare in nome e per conto di quegli stessi lavoratori precari che non
possono organizzarsi in sindacato perché non possono godere di quegli stessi diritti,
accusando paradossalmente di non riuscire a rappresentarli un sindacato indebolito da sei
anni di recessione e da 15 anni di legislazioni liberiste!
E lo si fa utilizzando la menzogna secondo cui questi diritti sarebbero “eccentrici” nel
contesto competitivo europeo cercando così di nascondere l’incapacità politica di aggredire
le vere anomalie della situazione italiana e cioè il livello abnorme raggiunto dall’evasione e
dalla corruzione e la presenza soffocante della criminalità organizzata.
Si alimenta, a questo scopo, una frammentazione rancorosa della società giocando
pericolosamente sulla contrapposizione giovani-anziani, lavoratori attivi-pensionati,
lavoratori autonomi-dipendenti, dipendenti privati-dipendenti pubblici, lavoratori pubblici
in divisa-lavoratori pubblici in borghese … negando la funzione di ricomposizione degli
interessi propria delle rappresentanze sociali.
Con l’imposizione del voto di fiducia su una legge delega di inusitata vaghezza, il
governo compie un altro passo nella direzione della contrazione della democrazia,
impedisce la normale dialettica parlamentare, utilizza il risultato del voto per il Parlamento
Europeo come plebiscito che delegittima il Parlamento nazionale, anticipa il risultato delle
riforme istituzionali trasferendo il potere legislativo nella mani dell’esecutivo.
Una sola proposta alternativa è realisticamente in campo davanti a questa deriva
politica: la piattaforma con la quale la Cgil chiama a manifestare il 25 ottobre a Piazza San
Giovanni che rivendica un piano straordinario per l’occupazione giovanile, la riscrittura
della legislazione del lavoro per ridurre la precarietà, lo stanziamento delle risorse
necessarie a dare tutele universali contro la disoccupazione, la riunificazione del mercato
del lavoro attraverso l’estensione dei diritti a chi ne è privo, la difese delle conquiste di
civiltà.
Per questo aderiamo alla manifestazione e facciamo appello alla partecipazione.
Fiorenzo Baratelli
Guido Barbujani
Claudio Bariani
Gabriele BelcastroSalvatore Belcastro
Silvia Belcastro
Daniela Cappagli
Sandro Cardinali
Daniele Civolani
Marco Contini
Tito Cuoghi
Carmelo Damigiano
Elia Fioravanti
Giovanni Fioravanti
Monica Forti
Sergio Gessi
Alessandro Grossi
Antonio Ianni
Daniele Lugli
Paolo Mandini
Renata Patrizi
Lina Pavanelli
Mauro Presini
Valeria Sitta
Franco Stefani
Piero Stefani
Elisabetta Tampieri
Ranieri Varese
Luana Vecchi
Gianni Venturi
Emanuela Zucchini

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA VIGNETTA
I licenziamenti solidali
I banchieri giocano a Risiko con la nostra pelle
LA VIGNETTA
I diritti dell’un per cento
libri biblioteche
FERRARA: LETTORI A DIFESA DELLE BIBLIOTECHE
Appuntamento in Largo Castello, sabato 22 maggio alle ore 10

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi