Home > ALTRI SGUARDI > LA PROPOSTA
Riqualificare piazza Travaglio: parcheggio alberato, punto informazioni, bici pubbliche

LA PROPOSTA
Riqualificare piazza Travaglio: parcheggio alberato, punto informazioni, bici pubbliche

piazza-travaglio
Tempo di lettura: 2 minuti

Alberi in piazza Travaglio. E’ così banale l’idea che sorprende il fatto che nessuno ci abbia ancora pensato. E soprattutto che nessuno abbia provveduto. Anche perché un intervento del genere comporta costi abbastanza contenuti.
Il parcheggio delle auto in questa piazza ci sta a giusta ragione. E’ la porta di accesso al centro storico, ma qui di storico o monumentale da preservare non c’è nulla. Però l’attuale sistemazione è davvero deprimente: il colpo d’occhio pessimo.
Una buona alberatura avrebbe un vantaggio funzionale, poiché garantirebbe ombra alle vetture in sosta. E poi la visione d’insieme sarebbe decisamente più gradevole: anziché osservare solo lamiere si apprezzerebbero gli alberi, che rallegrano, ingentiliscono e costituiscono sempre un bel vedere.

Non sarebbe male, poi, data la posizione strategica della piazza, offrire qualche servizio di accoglienza per i turisti: un piccolo punto informazioni e un parcheggio di biciclette pubbliche a integrazione del già esistente circuito di bike sharing “Mi muovo in bici” [vedi], attiva anche in città e attualmente dotato di 71 cicli.

Nell’ottica della riqualificazione, varrebbe poi la pena di valutare l’opportunità di chiudere il breve e superfluo tratto di strada retrostante porta Paola, che collega attualmente via Baluardi a via Kennedy, posto che le auto già possono percorrere lungo via Bologna un tragitto parallelo di uguale lunghezza per raggiungere la rotatoria in prossimità di viale Volano. In tal modo di riuscirebbero ad ampliare gli spazi della piazza e del relativo parcheggio.
Insomma, piccoli accorgimenti che potrebbero rendere più piacevole e funzionale la piazza.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
FOGLI ERRANTI
SCAMPOLI DI LOCKDOWN (1) – Appuntamento al buio
LA CITTA’ MUTA
E per la Giunta di Ferrara la scuola può aspettare
Il giardino immaginario divenuto reale
LA VIGNETTA
Naomo, dalle panchine alle foreste in fiamme

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi