Home > Primissimo piano > LA RICORRENZA
Buon compleanno Candy Candy

LA RICORRENZA
Buon compleanno Candy Candy

compleanno-candy-candy
Tempo di lettura: 5 minuti

Auguri, cara, i tuoi primi 40 anni. Li porti davvero bene. Sei sempre la dolce ragazza, dagli occhi grandi spalancati sul mondo, tutta lentiggini e simpatia che eri. Sei stata allegra, con amori difficili e tante delusioni ma sempre sorridente. Allora come ora. Non sei cambiata affatto e, per festeggiare il tuo compleanno, ti hanno dedicato un libro, è stata lei, Lidia Bechis, con il suo “Candy Candy – Amori e battaglie della prima grande eroina dell’animazione”.

compleanno-candy-candy

La copertina del libro

I tuoi allegri codini, ribelli e dispettosi, con i grandi fiocchi rossi sono stati imitati da tante bambine. Sei stata e sei un modello, tante ragazzine si sono identificate con il tuo personaggio e le tue traversie, soprattutto amorose. Candy Candy, sei stata la prima eroina giapponese d’animazione, un manga del genere ‘shojo’ (i fumetti dedicati al genere femminile), nata dai disegni di Yumiko Igarashi nel 1975, tratti dal romanzo di Kyoko Mizuki. Sei passata dai cartoon televisivi, prodotti da Toci Animation e trasmessi dal 1980 in Italia, al cinema, con ben due film. Cristina d’Avena cantava la sigla delle tue avventure, l’italiana Fabbri Editori, negli anni ’80 aveva pubblicato su di te cinque libri, dal titolo “Il romanzo di Candy Candy” (i primi due – ‘Il mistero del principe’ e ‘Arrivederci Terence’ – riprendevano la trama della serie tv, mentre gli ultimi tre – ‘Gli anni di Parigi’, ‘Bentornata a Chicago’ e ‘Un’avventura ad Hollywood’ – narravano avventure inedite, scritte dagli autori italiani). Ora un nuovo libro su di te, quello di Lidia, pittrice appassionata delle tue storie, che ti ritiene tappa fondamentale della sua formazione e di quella di molte generazioni di donne.

compleanno-candy-candyIl volume è illustrato con 100 immagini a colori, la tua storia inizia nei primi anni del Novecento, con l’abbandono di due orfanelle, tu e Annie, in un orfanotrofio religioso, Casa di Pony, retto da Miss Pony e da Suor Maria. A farti compagnia, un improbabile e simpatico animale domestico, il procione Klin. Quando Annie verrà adottata dalla ricca famiglia Brighton, resterai all’orfanotrofio sentendoti sola, abbandonata e ferita, fino al giorno in cui, sulla collina dove ti ritiravi momenti di tristezza, incontrerai un giovane dai capelli biondi, vestito con un kilt scozzese, che ti consolerà, suonando la cornamusa. Una spilla a forma di aquila con sopra una lettera “A”, che il giovane, da te soprannominato il Principe della Collina, perderà danzando, resterà sempre con te. Presto sarai adottata dalla potente famiglia aristocratica dei Legan. Qui, ti scontrerai con i loro viziati figli, Iriza e Neal, e sarai costretta a fare la cameriera e a dormire nelle stalle. Conoscerai, però, la famiglia Andrew, dove ritroverai lo stesso stemma della spilla caduta al tuo bel Principe della Collina. Qui a comandare sarà l’arcigna e anziana zia Elroy e tu farai amicizia con i suoi nipoti Archie e Stear e il loro cugino Anthony, somigliante al Principe della Collina. Tra te e Anthony nascerà un sentimento tanto forte che quando i Legan decideranno di mandarti in Messico il ragazzo e i suoi cugini faranno di tutto per impedirlo, fino a convincere la famiglia ad adottarti e farti diventare una Andrew. Anthony ti regalerà la rosa ‘dolce Candy’ ma morirà cadendo da cavallo durante una caccia alla volpe e per te sarà un’enorme tristezza. Tra un amore e l’altro, partirai per andare a studiare in Inghilterra alla Saint Paul School, dove m’incontrerai, scoprendo che suono l’armonica e sono il figlio di una nota attrice teatrale, e diventerai infermiera in un ospedale di Chicago durante la Grande Guerra. Vivrai tante altre avventure e delusioni e, infine, tornerai nel tuo paese, dove conoscerai Albert, un giovane vagabondo che vive in un rifugio nella foresta circondato dagli animali. In realtà scoprirai che Albert, William Albert Andrew, altri non è che il buon amico che ti ha sempre aiutata, il tuo benefattore, lo zio William Albert. Sarai felice, infine, anche senza di me. Gli intrecci saranno tanti, ci siamo cercati e persi, ma in tutto questo, io non mi sono mai arreso. Anche se le cose sono andate diversamente. Auguri comunque, piccola, travagliata, curiosa, splendida, coraggiosa e ottimista Candy. Il tuo Terence.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
POLESELLA MICROFESTIVAL
26 settembre: Murales ispirati a Keith Haring e presentazione del noir di Astrid Scaffo
DI MERCOLEDI’
I libri sono oggetti perfetti, scatole di storie
Chiara Gamberale ospite al Microfestival delle storie
Come il mare in un bicchiere, la vita racchiusa e riaperta quando il mondo si è fermato

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi