COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > La salina di Comacchio torna a produrre il sale

La salina di Comacchio torna a produrre il sale

Tempo di lettura: 4 minuti

Da Comune di Comacchio

Il recupero di una tradizione secolare, come lo è l’antico mestiere del salinaro di Comacchio, ha segnato questa mattina un traguardo impensabile sino a qualche anno fa. La ripresa della produzione del sale nell’antica salina comacchiese è stata salutata dal Vice Sindaco Denis Fantinuoli come “una forma di turismo che ha voglia di vivere le tradizioni locali, in un’ottica di valorizzazione e promozione degli antichi mestieri. Ringrazio tutti coloro che sono qui oggi e tutti coloro che ci hanno consentito di concretizzare questo progetto strategico, partendo dagli enti partners, Cadf e l’Ente Parco, sino ai salinari.”
Avviato due anni fa grazie ad un accordo di programma che coinvolge il Comune di Comacchio, l’Ente di gestione per i parchi e le biodiversità – Delta del Po ed il Cadf, il progetto di riqualificazione della Salina di Comacchio si è dapprima caratterizzato per interventi legati alla gestione idraulica delle acque. Il Cadf ha realizzato il rinnovo degli impianti e dei locali, la sistemazione degli argini, sino alla creazione di una salinetta, che finalmente è tornata a produrre sale. Nell’aula didattica è operativo il Centro di Educazione Ambientale, curato con impegno e professionalità da Elèna Merighi dello stesso Cadf, incaricata inoltre delle escursioni guidate, estremamente seguite ed apprezzate dai turisti, ma anche dalle scolaresche in primavera. “La sottoscrizione dell’intesa per la Salina di Comacchio – ha sottolineato la Presidente del Cadf Maira Passarella -, rappresenta uno dei tasselli dell’azione di Cadf, particolarmente attento ad affinacare al proprio ruolo tecnico di gestione delle risorse idriche, anche un’attività di sensibilizzazione verso il bene acqua e verso il territorio su cui esso opera, promuovendo significative iniziative, in grado di tutelare e valorizzare nella loro essenza, sia l’uno che l’altro.” Il Presidente dell’Associazione Salinari Comacchiesi Franco Verdi, dopo aver ringraziato il Sindaco ed il Vice Sindaco, il Cadf ed il Parco del Delta per l’impegno condiviso nella realizzazione del progetto ha confermato che “grazie alla volontà di tutti, anche dei nostri associati, che prestano la loro opera volontaria, si stanno ottenendo buoni frutti.” E’ poi intervenuto Maurizio Barbirati, Amministratore Unico di Delta Web, il quale rimarcando “la collaborazione tra una società in house ed il Comune di Comacchio è stato possibile portare in salina il wifi con un sistema di videocamere di controllo degli accessi.” A breve sarà possibile osservare la bellezza di un luogo naturale quale è la salina con i suoi abitanti, a partire dai fenicotteri, proprio grazie al sistema di videocamere installato di recente. L’aver sottratto il sito al degrado e all’abbandono, per Massimo Medri, Presidente dell’Ente di gestione per i parchi e le biodiversità Delta del Po, è stata una strategia vincente sotto due profili, in quanto ha consentito di valorizzare un comparto di straordinario pregio ambientale. Inoltre “c’è la precisa volontà di mantenere in questo luogo un equilibrio naturale, includendo il sistema idraulico. Da qui in avanti si puà fare solo meglio – ha aggiunto Medri -, grazie all’ottima collaborazione tra Istituzioni e ad una associazione con molti giovani che hanno preso in mano con passione professioni antiche.” Ponendo l’accento sul valore aggiunto dei giovani e della loro dedizione con l’obiettivo di rilanciare in chiave turistico-ambientale la salina di Comacchio, il Sindaco Marco Fabbri si è unito ai ringraziamenti, rievocando le tappe salienti di un’avventura partita nel 2015. “Si è innescata una rivoluzione culturale – ha commentato il Primo Cittadino -, per la fruizione del Parco, tra l’altro fortemente antropizzato e caratterizzato dalla sempre più elevata presenza dell’uomo. Dopo oltre trent’anni dalla sua chiusura, che risale al lontano 1984, abbiamo finalmente spalancato le porte a questo sito, intriso di storia e di tradizioni secolari, fatte del sudore dei nostri nonni e dei nostri antenati. Da luogo chiuso e inaccessibile, la salina è stata restituita alla comunità – ha aggiunto il Sindaco – con la possibilità anche per i turisti di fruire di un luogo unico. ” Tutela e valorizzazione si muovono dunque all’unisono e anche per l’estate è previsto un ricco programma tra escursioni e concerti in salina. Per informazioni: www.salinadicomacchio.it e www.comunedicomacchio.it (ma anche https://www.facebook.com/SalinadiComacchio/?fref=ts, https://www.facebook.com/Comune-di-Comacchio-395317850532246/

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi