Home > Primissimo piano > LA STORIA
Filiera cortissima e vendita diretta, la rivoluzione della Corte dei Sapori

LA STORIA
Filiera cortissima e vendita diretta, la rivoluzione della Corte dei Sapori

corte-sapori
Tempo di lettura: 8 minuti

Una famiglia eccezionale, madre, padre e quattro fratelli. Un’attività iniziata cinquant’anni fa dal nonno Francesco. Un grande senso dell’innovazione e il coraggio di cambiare per adattarsi alla contemporaneità. Questi gli ingredienti del successo dell’Azienda agricola Corte dei Sapori di Volania di Comacchio, che ha sviluppato negli ultimi anni una virtuosissima filiera corta che va dall’allevamento di bovini alla coltivazione dei foraggi per il nutrimento, dalla lavorazione alla vendita diretta delle carni, dalla coltivazione di ortaggi come asparagi, zucche e pomodori alla trasformazione in sott’oli e conserve. Hanno un loro punto vendita in azienda, riforniscono gruppi d’acquisto in città, partecipano a sagre e mercati. Li potremo incontrare anche quest’anno a Ferrara, alla 64° Giornata del Ringraziamento organizzata da Coldiretti, che si terrà sabato 8 e domenica 9 novembre in p.zza Trento Trieste.

Da allevamento tradizionale, dedito soltanto all’allevamento e alla vendita del bestiame, l’azienda si trasforma quando subentrano i giovani figli Danilo e Matteo.

corte-sapori

L’allevamento

Chiediamo a Danilo Bassi di raccontarci che cosa ha comportato il salto da allevamento tradizionale ad azienda innovativa, premiata nel 2012 con l’Oscar Green.
All’inizio io e mio fratello avevamo semplicemente aumentato il numero di capi di bestiame e introdotto anche pecore e maiali, ma questo non bastava: il mercato dei bovini variava da un anno all’altro, il costo dei capi è altissimo e capitava che i commercianti non pagassero, da qui la voglia di effettuare una svolta e diventare più indipendenti.

 

 

corte-sapori

La nuova stalla

Nel 2010 abbiamo messo su la macelleria, laboratorio e negozio, e abbiamo imparato il mestiere. Ora abbiamo tutto qui in azienda, dalla coltivazione del mangime all’allevamento degli animali, dalla macelleria al negozio; abbiamo accorciato la filiera e siamo molto contenti perché possiamo controllare personalmente e gestire tutto, l’allevamento, la produzione, la vendita diretta.

corte-sapori

Il punto vendita in azienda

Abbiamo inaugurato il negozio l’8 dicembre 2010 e iniziato così una nuova catena agricola, che comincia e finisce tutta nei nostri 40 ettari di proprietà. Ora ci lavoriamo tutti, ognuno con le proprie mansioni: mio fratello Matteo gestisce l’allevamento e i terreni, io il negozio e la lavorazione delle carni, mia mamma, mia sorella Sara e mia cognata sono le addette alla preparazione delle carni e alla vendita diretta, mio padre Luigi dà una mano a mio fratello per l’allevamento e si dedica alla preparazione e conservazione ortaggi.

corte-sapori

La mamma e la sorella Simona preparano le carni

Oltre ad aumentare la produzione e puntare alla vendita diretta, Danilo e Matteo hanno ammodernato le strutture, installando un impianto fotovoltaico che soddisfa interamente il fabbisogno energetico dell’azienda e acquistando un tunnel per la conservazione del foraggio. Proprio per questa conversione (filiera corta, lotta integrata, vendita diretta, fotovoltaico, tunnel) che testimonia la volontà di procedere in senso ecologico e sostenibile, vengono premiati nel 2012 con l’Oscar Green, un premio che la Coldiretti conferisce ogni anno all’impresa agricola più innovativa del territorio.

corte-sapori

Danilo allestisce il banco

Come sta andando il vostro negozio?
Sta andando bene, perché la gente sta riscoprendo la passione per le cose genuine e vuole sapere quello che mangia. Quando vengono qui possono verificare con i propri occhi come lavoriamo, vedere come alleviamo gli animali e come vengono nutriti. Non sarebbe stata la stessa cosa se avessimo aperto il negozio in un paese, lontano dall’azienda. Avere coltivazione, azienda e negozio nello stesso luogo è sinonimo di massima trasparenza tra produttori e clienti finali.

 

 

corte-sapori

I sott’oli alla zucca

Oltre al negozio, avete attivato anche altre tipologie di vendita diretta come la fornitura a gruppi d’acquisto e la presenza a sagre e mercati…
Sì, oltre ad avere il punto vendita di Campagna Amica qui in azienda e rifornire il ristorante di nostra sorella Simona (La tagliata del Lido degli Estensi), serviamo due gruppi d’acquisto di Ferrara (Parchino Schiaccianoci e Gas Kappa), siamo ospiti fissi al mercato contadino di Alfonsine, facciamo alcune sagre in zona come quella dell’Anguilla di Comacchio o come la Giornata del Ringraziamento in p.zza Trento Trieste a Ferrara, che quest’anno sarà l’8 e 9 novembre. In più, da due anni, riforniamo con i nostri prodotti le botteghe di Campagna Amica di Faenza e Lugo.

corte-sapori

Il banchetto della Corte dei Sapori a “Cibi d’Italia”, Roma 2012

Come mai una collaborazione con le botteghe di Faenza e Lugo, che non sono proprio a due passi?
Questa è una storia bellissima che va molto oltre l’aspetto commerciale. La collaborazione con le botteghe risale al settembre 2012, quando abbiamo partecipato a “Cibi d’Italia”, primo Festival nazionale all’aperto dei cibi e delle tradizioni del Made in Italy agroalimentare, organizzato al Circo Massimo di Roma dalla Coldiretti. Eravamo in tantissimi, produttori agricoli, allevatori e pastori giunti da tutte le regioni italiane, noi rappresentavamo la provincia di Ferrara, il nostro vicino di stand dalla provincia di Imola, si trattava di un produttore di Faenza, Mengozzi. Durante quei quattro giorni intensi ed entusiasmanti, ci siamo conosciuti ed è nata un amicizia.

corte-sapori

Sara Bassi spilla il vino alla spina di Tarroni

Da lì abbiamo fatto visita alle rispettive aziende ed è nato l’accordo di scambiarci i prodotti e venderli ognuno nei propri punti vendita, il mio qui a Volania, il suo in centro a Faenza e a Lugo: lui mi avrebbe rifornito dei suoi trasformati, succhi di frutta e marmellate prodotti con la sua frutta, io l’avrei fornito dei miei salumi, formaggi e vasetti di sughi pronti e sott’oli. E così è stato, da allora ci riforniamo a vicenda ed è nato un bellissimo rapporto. Sempre grazie a loro abbiamo conosciuto un giovane produttore di vino biologico di Riolo Terme che ha una cantina sua (Tarroni), e ora ci riforniamo da lui per il vino che vendiamo alla spina.

Insomma, non vi fermate mai… altri progetti?
A dire il vero, sì. Ci piacerebbe attrezzarci per la vendita della carne anche in sagre e mercati, acquistando un furgoncino frigo attrezzato, di quelli con il banco: ora possiamo vendere solo i nostri salumi, i formaggi e i trasformati, per noi vorrebbe dire molto poter vendere anche la carne, il nostro prodotto per eccellenza. Ma prima occorre trovare posto in altri tre o quattro mercati fissi, perché comprare il furgone freezer significa fare un grosso investimento, occorre prima trovare una certa continuità con le vendite.

Siete già attivi in questo senso, avete già dei contatti?
Sì, ci stiamo attivando ora per Comacchio, Ferrara e Ravenna. A Ravenna però non possiamo rientrare tra i produttori del mercato contadino perché non siamo della provincia, ma potremmo avere il posto nel mercato normale, essere invitati per sagre ed eventi, partecipare ai mercati estivi che si svolgono a Cervia, Lido Adriano, ecc.

corte-sapori

Il salame di 2,20 m., premio della lotteria

So che ogni anno, l’8 dicembre, fate la festa per l’anniversario dell’apertura del negozio, possiamo invitare anche i nostri lettori?
Certo, quest’anno si svolgerà domenica 7 dicembre e siete tutti invitati in azienda dove allestiamo una piccola sagra coi nostri prodotti. Quest’anno avremo anche una novità: sarà presente il nostro nuovo produttore di vino biologico che proporrà degustazioni abbinandole a ciò che prepariamo, porchetta, salsiccia alla griglia, salumi e formaggi. Poi una sorpresa: chi vince la lotteria si porta a casa un salame lungo 2,20 metri, completo di tagliere in legno fatto su misura!

Per saperne di più visita la pagina Facebook dell’azienda [vedi] e le pagine relative nel sito Agrizero [vedi]

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Alessio Bolognesi e le antiche carte ferraresi
FUTURO SOSTENIBILE
“LE CITTA’ SIANO IL FULCRO DELLA RIPARTENZA POST COVID”
Il rapporto Legambiente 2020
DIARIO IN PUBBLICO
Imitazione e verità
Moni Ovadia, perché Ferrara?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi