Home > Primissimo piano > LA STORIA
Lampo, vita di un cane viaggiatore

LA STORIA
Lampo, vita di un cane viaggiatore

lampo-viaggiatore
Tempo di lettura: 4 minuti

A fine giugno sono andata all’Isola d’Elba per girare un reportage per la web tv dell’Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, dove lavoro. Con la mia collega Lorena abbiamo preso un treno diretto a Piombino e, al ritorno, abbiamo fatto scalo alla stazione di Campiglia Marittima. Qui pomeriggio afoso, scenario da Far West e, inaspettata, una storia da scrivere.
Quella di Lampo, il cane viaggiatore. L’ho incontrato prima su un quadro, appeso al bar della stazione con tanto di dedica da parte delle Ferrovie Italiane, mentre sorseggiavo te freddo e menta.
Poi in una statua che gli è stata dedicata e che è nel giardino della stazione, coperta da due pini.
Infine nel racconto del barista, che, ringrazio, per essersi lasciato incalzare dalle domande.
La storia, che ha fatto il giro del mondo, in sintesi è questa qua.
Siamo nei primi anni cinquanta e un cane randagio si aggira nella stazione di Livorno. Un giorno un capostazione chiama l’accalappiacani e un ferroviere per salvarlo lo getta su un carro merci diretto a sud.
Arrivato a Campiglia Marittima, il cane scende dal treno e dopo qualche giorno viene praticamente adottato dal vice capostazione Elvio Barlettani che, a causa della sua velocità, lo chiama Lampo.
Da Campiglia, un nodo ferroviario con molto traffico, Lampo è in grado di prendere un treno per dovunque. Sale solo su treni passeggeri, nascondendosi sotto un sedile quando sente arrivare il controllore. Viaggio dopo viaggio Lampo visita ogni stazione nel raggio di 300 chilometri da Campiglia, diventando una presenza ben conosciuta.
La notte dorme nella stazione, ma al mattino salta sul treno locale per Piombino per accompagnare Virna Barlettani, la figlia del vice capostazione, a scuola e riprendere il treno per Campiglia subito dopo. Nel pomeriggio ritorna in treno a Piombino per riaccompagnare Virna a casa e poi di nuovo a Campiglia. Un giorno, però, il cane rimane intrappolato in una porta e il treno in partenza deve essere fermato per liberarlo. Un ispettore, che osserva l’accaduto, ordina di farlo sparire: Lampo viene caricato un treno per il lontano sud, con le istruzioni di abbandonarlo in aperta campagna, lontano da ogni stazione.

cane-lampo

Il leggendario Lampo, protagonista di un libro inglese per bambini

Dopo cinque mesi, malato e ferito, Lampo tornerà. Diventerà famoso e finirà sui giornali nazionali ed esteri. Sarà anche filmato da diverse troupe televisive. Morirà nel 1961 e alla stazione di Campiglia Marittima sarà eretta una statua in suo onore.
Elvio Barlettani, il vice capostazione, ha scritto un libro sulla sua storia intitolato “Lampo il cane viaggiatore” edito dalla casa editrice La Bancarella di Piombino. E’ catalogato fra le letture per l’infanzia, ma è un’iniezione di poesia ed energia raccomandabile anche agli adulti. Soprattutto a quelli che dimenticano di essere stati bambini.
Esiste anche un libro a fumetti in inglese intitolato “Famous dogs: Lampo the travelling dog” realizzato da James E. McConnell e pubblicato dalla Look and Learn.

Per saperne di più: [clic per vedere]
La storia di Lampo cane viaggiatore (Club Amici della Ferrovia)
Lampo, the travelling dog (Copertina, Look and Learn)
Lampo, il cane viaggiatore sul sito ‘Il cane insegna’

 

 

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PER CERTI VERSI
A Stock
TRENO, BICI E TURISMO SOSTENIBILE
Il GAL DELTA 2000 approva 5 progetti per interventi nelle piccole stazioni ferroviarie
Caro, vecchio amico mio
Due cuccioli

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi