Home > COMUNICATI STAMPA > L’archeologia come strumento per conoscere la cristianità ferrarese. Casa Cini ripercorre lo sviluppo del Cristianesimo

L’archeologia come strumento per conoscere la cristianità ferrarese. Casa Cini ripercorre lo sviluppo del Cristianesimo

Tempo di lettura: 2 minuti

da: Casa Cini

L’archeologia come strumento per conoscere la cristianità ferrarese. Partendo dall’Editto di Milano, sottoscritto da Costantino e Licinio nel 313, con cui si stabilisce che «non si debba vietare a chicchessia la libera facoltà di aderire, vuoi alla fede dei cristiani, vuoi a quella religione che ciascheduno reputi la più adatta a se stesso», Casa Cini ha deciso di ripercorrere la nascita e lo sviluppo del cristianesimo nel nostro territorio programmando 5 incontri, in partenza martedì 17 febbraio. Ed è l’archeologia la disciplina ‘scelta’ per andare alla ricerca delle prime tracce di cristianità tra Comacchio e la città estense. «Risponde al desiderio di conoscere con maggiore precisione la nascita di questo fenomeno sociale e culturale, che ha dato un grandissimo contributo alla civiltà dell’Europa», spiega Monsignor Ivano Casaroli, direttore di Casa Cini. Spazio sarà dato ad approfondimenti sull’impianto ecclesiale di San Cassiano, San Giorgio e l’abbazia di Pomposa tra spiritualità e cultura. «Un percorso – rimarca – che rientra nel concetto di nuova evangelizzazione, che come Papa Francesco ci ricorda è da intendersi non tanto come diversa predicazione, quanto come un più stretto legame tra fede e vita». Ma Monsignor Casaroli guarda al futuro. «Il progetto sarebbe continuare a dedicarci alla storia locale della comunità cristiana fino a delineare le condizioni o la necessità di una nuova evangelizzazione». Questo il calendario degli appuntamenti: 17 febbraio, Prime tracce di presenza cristiana nel nostro territorio (Comacchio), relatore Sauro Gelichi, docente ordinario di Archeologia Medievale Università Ca’ Foscari di Venezia; 24 febbraio, Prime tracce di presenza cristiana nel nostro territorio (zona ferrarese), con Fede Berti, già direttrice del Museo Archeologico Nazionale; 10 marzo, Implantatio ecclesiae: S. Cassiano e S. Giorgio, con il docente Unife, Alberto Andreoli; 24 marzo, Dall’eremo alla missione, con don Paolo Cavallari, parroco della basilica concattedrale di Comacchio; 7 aprile, Pomposa: spiritualità e cultura, con Antonio Manfredi, vicedirettore della Scuola Vaticana di Biblioteconomia. Le lezioni si terranno a Casa Cini, in via Boccacanale di Santo. Stefano, alle 17. Info, www.casacini.altervista.org.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi