Tempo di lettura: < 1 minuto

Scrivere storie è divertente tanto quanto giocare a fare Dio. Crei una storia e nello stesso istante crei il mondo che l’avvolge, lo rendi credibile, costruisci le basi su cui poggia, i meccanismi che lo muovono, la logica che lo ispira. In realtà chi scrive trova già dentro di sé tutto ciò che gli serve.
Il gioco consiste nel cercare di fare uscire quel mondo che conserviamo dentro di noi e renderlo sufficientemente interessante da convincere qualcun altro a esplorarlo.

“L’arte di scriver storie sta nel saper tirar fuori da quel nulla che si è capito della vita tutto il resto; ma finita la pagina si riprende la vita e ci s’accorge che quel che si sapeva è proprio un nulla.”
Italo Calvino

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Etica e sapere: le chiavi della cittadinanza
DI MERCOLEDI’
Autore, narratore e lettore: da Giulio Cesare a Marco Balzano
Dora, Amalia e l’incendio di via Santoni Rosa
DI MERCOLEDI’
All’Ospedale Maggiore in compagnia di Gadda e Svevo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi