Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > L’Atlantide nel fossato…

di Maria Luigia Giusto

Le città nascono, si alimentano delle interazioni con la gente e con gli elementi naturali, crescono, si espandono, a volte si dilatano per poi esplodere e sparpagliare meteore nello spazio intorno. Le città si concentrano e raccolgono intorno ai loro simboli, ai luoghi che la storia ha lasciato, che l’uomo ha voluto ricordare. E se passeggiando sembra ogni giorno che non cambi niente, che sia tutto al solito posto, aguzzando lo sguardo e andando oltre i confini del pensiero, si possono cogliere dettagli mai visti, o visti da sempre, ma mai guardati, elementi antropici o naturali che si lasciano (ri)scoprire da occhi curiosi e visionari.
Mi fermo a guardare il castello estense immerso nella sua stessa acqua sciogliersi e ricomporsi nelle increspature, con le torri affogate, le finestre nicchie dei padroni dell’acqua, i ponti galleggianti come zattere: un’Atlantide rinascimentale. Calvino scriveva “il mondo si legge all’incontrario”. Non a caso si trattava di un castello.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Zanotelli: “Abbiamo risorse per fare del mondo un paradiso, ribelliamoci all’ingiustizia”
Ferrara tra dieci anni
La bellezza, chiave di rilancio della città
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Come un libro aperto
Un balletto d’ombre nello spazio

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi