Home > COMUNICATI STAMPA > “L’attrazione fatale della gravità” Il 24 gennaio il secondo appuntamento dei Venerdì dell’Universo con Gabriele Ghisellini

“L’attrazione fatale della gravità” Il 24 gennaio il secondo appuntamento dei Venerdì dell’Universo con Gabriele Ghisellini

Da: Ufficio Stampa dell’Università di Ferrara

Venerdì 24 gennaio alle ore 21 alla Sala estense secondo appuntamento con i Venerdì dell’Universo, la storica rassegna di conferenze dedicate alla divulgazione scientifica, organizzata dal Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra di Unife e dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare in collaborazione con il Gruppo Astrofili Columbia ed Esploriamo l’Universo.

Relatore sarà Gabriele Ghisellini, Dirigente di ricerca all’INAF-Osservatorio astronomico di Brera che interverrà sul tema “L’attrazione fatale della gravità”.

È lo stesso Ghisellini ad anticiparci l’argomento della serata..“Perché si formano i buchi neri? È vero che possono distorcere lo spazio e rallentare il tempo? Quando ci confrontiamo con gli effetti della gravità rimaniamo allo stesso tempo affascinati e straniti, perché siamo obbligati a rivedere e ricostruire le basi del nostro pensare. Nel corso della conferenza ripercorreremo le fasi cruciali di come l’uomo sia riuscito a capire gli aspetti più interessanti di questa forza, arrivando addirittura a fotografare un buco nero”.

Curriculum Vitae
Sposato, due figli, autore di più di 400 pubblicazioni con referee, studia quello che succede vicino ai buchi neri e i getti di materia che spesso si formano nelle vicinanze.
Laureato a Milano, dottorato alla Sissa di Trieste, postdoc a Cambridge (UK), ha lavorato sei anni all’osservatorio di Pino Torinese, e dal 1996 all’osservatorio astronomico di Brera. Ha recentemente pubblicato, con Hoepli, “Astrofisica per curiosi – Breve storia dell’Universo”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi