Home > COMUNICATI STAMPA > Lavoro: Emilia Romagna, +4,3% aziende agricole giovani 2° trimestre 2015

Lavoro: Emilia Romagna, +4,3% aziende agricole giovani 2° trimestre 2015

da: ufficio stampa Coldiretti Emilia-Romagna

Ad Expo alla prima giornata dell’Innovazione, allevamento di cashmere dell’Emilia Romagna entra nella terna finalista di Oscar Green premio per l’innovazione dei giovani di Coldiretti.

Nel secondo trimestre del 2015 per la prima volta da cinque anni a questa parte è tornato a crescere il numero delle aziende agricole giovanili dell’Emilia Romagna facendo registrare 80 imprese in più (+4,3 per cento) e passando dalle 1.862 imprese del primo trimestre alle 1.942 del secondo trimestre. Lo rende noto, sulla base di dati dell’Unioncamere, Coldiretti Emilia Romagna nel giorno in cui proprio un’impresa emiliano romagnola, l’azienda dell’imolese Gianluca Cellini, ha partecipato alle finali di Oscar Green, il premio per le imprese più innovative promosso da Coldiretti Giovani Impresa e consegnato questa mattina ad Expo, nel padiglione Coldiretti, in occasione della prima giornata dedicata alla creatività del made in Italy.
Il richiamo dell’agricoltura e dell’alimentazione per le nuove generazioni emiliano romagnole – commenta Coldiretti Emilia Romagna – è testimoniato anche dall’aumento delle iscrizioni negli istituti tecnici agrari regionali, che per l’anno scolastico 2015-2016 sono passati da 5.047 iscritti, con un aumento del 6,7 per cento rispetto all’anno scorso, e dagli iscritti nelle scuole per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera, che per l’anno in corso sono stati 12.899 (+3,2 per cento sul 2014).
Una nuova generazione di giovani – commenta Coldiretti regionale – si sta interessando all’attività di contadini, allevatori, pescatori e cuochi che non si limitano alla produzione di cibo made in Italy, ma guardano a questo settore come possibilità di occupazione, crescita economica e anche possibilità di difendere la cultura, la bellezza, la storia la salute e in generale l’alta qualità della vita.
A queste qualità si è ispirato Gian Luca Cellini insieme con la moglie Floriana Benvenuta Messina, imolesi, che sul prima Appennino cesenate hanno aperto un allevamento di capre “Hircus”, le capre che producono la lana cashmere di cui l’Italia è il maggior trasformatore al mondo. L’azienda di Cellini è entrata nella terna finalista dell’Oscar Green nella sezione “Fare rete”, e pur non ottenendo la vittoria finale resta un esempio delle imprese giovani non solo perché ha voluto allevare capre per fare cashmere made in Italy, ma anche perché vuole estendere la sua attività all’intera filiera per renderla tutta italiana. I terreni del suo allevamento si trovano in zona marginale e disagiata nel cuore della Romagna. Qui tutto nasce dalla necessità di pulire il sottobosco e trovare animali ruspanti bisognosi di poca cura. Gian Luca scopre che la capra hircus è la più adatta allo scopo. Scoprirà poi che oltre a restituirgli la montagna nella sua ripulita bellezza, darà il futuro alla sua famiglia. Oggi Gian Luca ha un allevamento di 30 capi di ovini di razza “hircus”, da cui una volta all’anno raccoglie il vello cashmere, che viene trasformato in un prodotto ricercato di moda, attento al design made in Italy, venduto in Italia ed all’estero. Da questa preziosa fibra, infatti, Gianluca produce preziosissimi maglioni, accessori, guanti, cappelli, pashmine. Per ore le sue fibre vengono analizzate in Colorado e trasformate in Germania perché gli esperti trasformatori italiani non consentono di trasformare piccole quantità. Ma Gian luca guarda lontano, ha già in mente una filiera chiusa. Trasformare, in casa, le sue fibre e provvedere a tutto in autonomia: dalle capre ai maglioni finiti.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi