COMUNICATI STAMPA
Home > IL QUOTIDIANO > Le bestie di Erdogan
Tempo di lettura: 2 minuti

Questa volta non c’è una foto specifica, un’immagine in particolare, no.
No, perché di immagini ce ne sono già tantissime, troppe. In rete, nelle agenzie, nei giornali, nelle tv. Ho deciso di metterne una tra tante modificandola per non riconoscerne le facce, perché queste facce non meritano fama, non meritano nulla e troveranno solo l’oblio delle ombre, questione di tempo.
Queste facce… Dire che sono bestie non è abbastanza. Uccidono chiunque, perché chiunque incontrano sulla loro strada è un bersaglio. Infieriscono sui civili inermi, li schiavizzano, li torturano, li massacrano. Sgozzano, lapidano, stuprano… Senza cuore, senza pietà, e tutto in nome di Allah!
Sono questi gli eroi dell’Islam? No, sono solo bestie, anzi peggio: sono esseri disumani, fanatici, immorali, miserabili assassini, bugiardi, ladri, ricattatori, vigliacchi, infami!
Sono peggio perché le bestie non scelgono il bene o il male, scelgono soltanto di sopravvivere.
Questi impostori, che qualcuno chiama soldati, hanno scelto il male nascondendosi dietro una religione e una bandiera! Non sono bestie, sono diavoli, dannati diavoli viventi. Camminano sulla terra come noi, respirano l’aria come noi, mangiano, parlano… e uccidono con sommo piacere chi è più debole e innocente.
La loro sola esistenza avvelena il mondo!

Commenta

Ti potrebbe interessare:
È fatto di persone
L’estate dell’Ottanta
La vacanza, la bomba, la scelta di mio padre
santa sofia, Istambul, Ayasofya
Ayasofya
PER CERTI VERSI
I giorni di Ustica

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi