3 Dicembre 2021

Le conseguenze di una caduta

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 5 minuti

pericolo caduta

 

Bum! E mi ritrovo a terra con un dolore terribile alla gamba sinistra.

Mi trascino dove posso chiamare aiuto e immediatamente arrivano i soccorsi, compreso quello dell’amico medico che comincia a curarmi attraverso una serie mirata di medicine, dopo che si è esclusa la rottura di qualche osso.

Comincia allora a scandirsi una serie quasi interminabile di tempo passato di fronte alla tv a guardare ciò che attira le folle sempre più numerose degli italiani compresi tra i 10 e i 100 anni. Ovviamente escludendo ciò che manda in delirio i miei connazionali. Vale a dire il calcio di cui sono un vergine ignorante.

Nulla mi smuove dal fascino malefico di un popolarissimo programma del sabato dove si danza, ci si insulta, ci si struscia tra lezzo (penso io) di sudore e di piedi sporchi.
Qui dei figuri, accompagnati da sinuose maestre, di danza si sottopongono al giudizio di strani giudici capeggiati da una signora che, balbettando male le due lingue che conosce, tentano di dare un voto alle evoluzioni di ballerine quasi centenarie, di irascibili cantanti che si sposano à gogò, di parrucchieri vestiti di paillettes e di forzuti macho che palpeggiano con voluttà bocche, seni, sederi delle maestre di ballo.

Scoppiano liti furibonde tra membri della giuria e i danzatori,  che nascondono storie complicate e  private quale quella – dicono i rumors –  di una bella giurata che sembra la gemella di Romina Power ex moglie del cantante pugliese sempre incappellato e che viene aggredita nel suo mestiere di giornalista dalla feccia dei no vax,  che le mollano testate micidiali perché porta la mascherina.

La stessa ignoranza del significato delle parole usate in determinati periodi storici è presente. Una bravissima conduttrice televisiva dotata da un balcone senatoriale di notevole importanza usa farsi chiamare zia dai suoi ospiti che interpella con l’epiteto amore, ovviamente di zia.
Chi nella sua gioventù conobbe quelle case che la senatrice Merlin fece chiudere, ben sapeva che la tenutaria si faceva chiamare zia e che i suoi clienti erano amore di zia.

Non voglio assolutamente fare un paragone, ma dall’uso viene indotta una assurda comparazione procurata dal difetto della conoscenza storica delle espressioni linguistiche che può far incorrere in questi improbabilissimi paragoni comunque pericolosi se non se ne conosce la valenza.
Mi si può obiettare che tante espressioni nate in contesti diversi e con radicali differenze di significato passano poi correntemente a incidere sull’ambiente sociale. Caso emblematico il nome di una parte del corpo maschile che tutti conoscono e che nel tempo assume il significato di stupido.

Ma ovviamente qui non è il caso di addentrarci in sottili disquisizioni linguistiche: l’esempio basti.  Quel che non mi delude è un curioso spettacolo basato sulla conoscenza delle parole. Si chiama L’eredità (programma seguitissimo anche da intellettuali e accademici) Mi misuro spavaldamente per vedere se potessi avere probabilità di vincere; ma purtroppo cado sulle domande sportivehelas!

 Le letture, anche quelle leggere, per fortuna mi salvano dal precipizio della stupidità. E allora via alla lettura della splendida autobiografia di Josephine Baker scritta da Gaia de Beaumont che induce alla giusta commozione nel saperla sepolta al Pantheon assieme ai più illustri personaggi della storia francese. Lei negra, libertina ed eroina della Resistenza francese.
In contemporanea sul Venerdì di Repubblica, la storia di Ivo LiviL’italien che tutto il mondo conosce col nome di attore: Yves Montand. Io al Pantheon romano, quando accadrà. manderei Ornella Vanoni e Mina più che qualche scrittore investito da una fama effimera.

Pian piano comincio a camminare mentre la città è scossa dal destino della pecora Alana amorosamente ricercata, lei che si è spersa tra i campi, dal sindaco impegnatissimo a litigare con un celebre avvocato difensore di due sue ex consigliere.
Manda in delirio la possibilità di far cantare a Ferrara nientemeno che Springsteen ma non se ne conosce il cachet. E vai col tango…

Oggi però, ho seguito e parlato da remoto alla presentazione presso la Biblioteca Ariostea dello splendido  volume curato da Anna Dolfi delle poesie di Bassani che mi ha lenito gli effetti della caduta per cui orgogliosamente riporto una mail che l’ex sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani mi ha spedito:

Finalmente
dopo lungo, dolorante silenzio
ho rivisto quest’oggi
connesso per l’aere
il VENTURI
a zcorar ad Frara
a zcorar ad Zorz
che di Lui e di loro
non può farsi
SENZA

La traduzione per i non ferraresi è la seguente: Finalmente / dopo lungo, dolorante silenzio / ho rivisto quest’oggi / connesso in streaming / il VENTURI / a parlare di Ferrara / a parlare di Giorgio / che di Lui e di loro / non si può fare / SENZA.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • LE RINNOVABILI NON DECOLLANO…
    Le Comunità energetiche e solari sono una soluzione

  • ACCORDI /
    Gli Interpol e le luci del nuovo millennio

  • MEGALOMEN:
    L’Ombelico del mondo e la società dello spettacolo

  • interno autobus semivuoto

    Diario di un agosto popolare
    9. LA METRO, IL BUS E LO SCOOTER

  • Maternità parallele in un dramma collettivo:
    Almodóvar colpisce ancora

  • TERRA & ACQUA DA SCOPRIRE.
    La  Ciclabile Burana

  • Il treno di Margherita
    …un racconto

  • fiume bambini pesca alberi

    Agosto 1959 – Gli zufoli di Sambuco

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi