COMUNICATI STAMPA
Tempo di lettura: 2 minuti

di Lorenzo Bissi

Questa settimana è Gabriele D’Annunzio a darci una lezione sul modo di prendere la vita, attraverso un passo del Libro I delle sue Laudi, Maya.
È un inno alla vita, in cui il poeta tesse le lodi della Diversità di creature, di esperienze, di emozioni di cui è pieno il mondo.
Con un animo che ha vissuto “come diecimila!” per tutto ciò che ha accolto a se, si chiede drammaticamente perché l’uomo non ha il potere di compiere tutto ciò che desidera. Una vera e propria risposta del perché di questo non c’è ma una via d’uscita è sottesa negli ultimi versi: ciò che non è stato quantomeno sognato. In questo sogno sta l’arte, il potere artistico che ci permette di dare sfogo ai nostri desideri quando questi non possono essere esauditi.
È cercando i canali espressivi più adatti ad ognuno di noi che saremo capaci di cogliere nel pieno della sua floridezza la varietà della Vita.
Buona settimana a tutti!

“Tutto fu ambìto
e tutto fu tentato.
Quel che non fu fatto
io lo sognai:
e tanto era l’ardore
che il sogno eguagliò l’atto.”

Gabriele D’Annunzio

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Il nido delle cicale
l’ultimo romanzo di Anna Martellato parla di rinascita
Un nuovo patto educativo costruito sulla “premura”
PER CERTI VERSI
A questa luna
PRESTO DI MATTINA
Risonanze

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi