Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > L’eloquenza discreta dei libri

L’eloquenza discreta dei libri

di Francesca Ambrosecchia

Una donna giovane, ricca, audace e con la strana passione di combinare matrimoni. Devo dire che Emma a tratti è simpatica: presuntuosa ma anche determinata e forse un po’ ingenua. Una figura femminile interessante quella del romanzo di Jane Austen mentre nel corso della lettura il paesaggio inglese dei primi anni dell’800 mi circonda.
I libri, pagina dopo pagina ti permettono di viaggiare con la fantasia in posti mai visti, di farti immaginare l’aspetto dei personaggi che permeano le loro storie, di farti sentire vicino alla loro personalità o alle avventure che affrontano, di incuriosirti e di emozionarti. Talvolta avviene che un libro possa coinvolgerti a tal punto da farti sentire un po’ spaesato una volta terminato. “Bene e ora?”
Ogni libro ci aiuta a diventare un po’ più ricchi ed è una scoperta da condividere.

“I libri mi piacciono perché non strillano, sono silenziosi, eppure dicono un sacco di cose”
Danilo Pennone

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
La stoltezza del saggio
Il consenso senza buonsenso
Pregi e difetti
BORDO PAGINA – Franco Cardini
“Noi schiavi della ‘ruota dei dannati’: produzione-consumo-profitto”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi