Home > INTERVENTI > Lettera su Castro, le ombre di un dittatore amato da alcuni e odiato da molti

Lettera su Castro, le ombre di un dittatore amato da alcuni e odiato da molti

Shares

da: Alcide Mosso

E’ morto Fidel Castro e fiumi di melassa sono stati versati per esaltarne la figura.
Gli ammiratori del dittatore cubano non sono mancati neppure a Ferrara e dintorni. Basti pensare a Claudio Abbado (il “maestro” – di musica ma non di libertà – a cui il nostro beneamato sindaco ha voluto con protervia intitolare il Teatro Comunale nonostante le riserve o la contrarietà di tanti, fra cui Roberto Pazzi, Vittorio Sgarbi e perfino dell’ex-sindaco Sateriale) che fregandosene dei diritti umani conculcati dal “barbudo”, ne esaltava ripetutamente l’opera.
Eppure basterebbe andare sul sito di “Amnesty International” per leggere alcune “cosette” interessanti come le seguenti:
“In oltre mezzo secolo di ricerche sulla situazione dei diritti umani a Cuba, Amnesty International ha riscontrato un’incessante ostilità nei confronti di chi osava criticare le politiche del governo. Nel corso degli anni, l’organizzazione ha raccontato al mondo centinaia di storie di prigionieri di coscienza, persone detenute solo per aver esercitato pacificamente il loro diritto alla libertà d’espressione, di associazione e di riunione… Nella Cuba odierna la repressione ha assunto nuove forme, tra cui l’ampio ricorso agli arresti per breve periodo di tempo e le minacce nei confronti di chi intende rendere pubbliche le sue opinioni, difendere i diritti umani o protestare per l’arresto arbitrario di un familiare”.
Erika Guevara-Rosas, direttrice per le Americhe di Amnesty International ha dichiarato che “i 49 anni di Fidel Castro sono stati caratterizzati dalla brutale soppressione della libertà d’espressione” e che”lo stato attuale della libertà d’espressione a Cuba, dove gli attivisti continuano a subire minacce e arresti per le critiche rivolte al governo, è il lascito più oscuro di Fidel Castro” .
Sarebbe interessante poi conoscere il parere degli esponenti nostrani della sinistra e delle varie associazioni femministe sul rapporto che Castro ebbe con le donne.
Secondo una classifica stilata da Maxim (rivista mensile USA di lifestyle maschile, con un indice di vendita superiore ai 2,5 milioni di copie) e ripresa da numerosi mezzi di informazione Castro sarebbe stato uno “sciupafemmine” seriale. Fidel avrebbe infatti “giaciuto” con due o tre donne diverse al giorno per decenni, per un totale di 35.000 fanciulle.
Tutte ovviamente corteggiate con rispetto e finite “spontaneamente” nel suo giaciglio, per dilettarlo fra un’iniziativa rivoluzionaria e l’altra…
E mi piacerebbe sapere perché tacciono le associazioni pro-gay, pronte a tuonare contro Mons. Negri ad ogni minimo sospiro che appaia discriminatorio, visto che il leader cubano, da consumato “tombeur de femmes”, detestava gli omosessuali.
Fuori dal coro, una volta tanto, Roberto Saviano che ha scritto di Castro:
“Incarcerò qualsiasi oppositore, perseguitò gli omosessuali, scacciò un presidente corrotto sostituendolo con un regime militare. Fu amato per i suoi ideali che mai realizzò, mai.
Giustificò ogni violenza dicendo che la sanità gratuita e l’educazione a Cuba erano all’avanguardia, eppure, per realizzarsi, i cubani hanno sempre dovuto lasciare Cuba non potendo, molto spesso, far ritorno”.
Smettiamola, dunque di esaltare una trista (proprio “trista”) figura come Fidel Castro.
Se gli esuli cubani hanno stappato bottiglie di champagne alla notizia della sua morte, avevano ed hanno più di una ragione per festeggiare! Ed io mi associo a loro!

Commenta

Ti potrebbe interessare:
I giovani e la politica, quando scendono in campo gli studenti
“Idee per superare il sovranismo”? Forse c’è un equivoco…
Liberi ma responsabili
Renzi vs Berlinguer e gli equivoci di una Sinistra confusa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi