Home > ACCORDI - il brano della settimana > L’Europeo come volontà e rappresentazione.
Tempo di lettura: 2 minuti

E così alla fine è successo: il Paese è ora comprensibilmente in preda alla follia più totale.
Avendo seguito il torneo praticamente per intero – e anche la ricostruzione di questa Nazionale proprio dall’inizio – mi mangio le mani perché avrei potuto puntare due soldini sull’esito di questo Campionato Europeo.
Qualcuno potrebbe dire che è facilissimo dirlo adesso ma: non so come spiegarlo, sentivo che sarebbe finita così.
Penso comunque che in tanti avessero annusato la cosa quindi non mi sento troppo scemo.
In fondo le altre favorite non hanno proprio brillato e alla fine della conta quest’Italia – guardando numeri e percorso – ha pienamente meritato.
Possiamo dire che gli inglesi hanno meritato la finale, pur sentendoci un po’ in imbarazzo per quel rigore da loro ottenuto in quel modo contro la Danimarca.
Il torneo è stato abbastanza strano, com’era forse immaginabile alla luce dell’anno passato e di quest’anno ancora in corso.
Il capocannoniere della manifestazione, tal “Autogol” è infatti lì, bello in cima alla classifica a dimostrarlo.
La cosa importante però è una: risultato finale a parte, io mi sono relativamente divertito.
Non sono uno che tifa, non sono neanche banalmente uno di quelli del partito “alla-fine-speriamo-vinca-lo-sport” ma boh, complice forse questo caldo orripilante, ho apprezzato questa gran fumata di “oppio dei Popoli”.
Adesso c’è solo da capire come sopravviveremo a questa ondata di retorica e patriottismo da discount, sperando che si abbassino in fretta i toni insostenibili di tutto l’ambaradan.
Era comunque prevedibile anche questo: un Electric Mattarella digievoluto in un ElettroSantoPertini di giuratesca memoria e un Mario Draghi indicato – disdicevolmente da alcune testate – come l’artefice di questo “Grande-Rinascimento-Italiano” che parte dai maledetti Måneskin e arriva fino a Matteo Berrettini.
Ma vabbè, conviveremo pure con questa malattia mentale, tanto ormai ci abbiamo fatto il callo.
Buona settimana e speriamo bene.

Do The European (J. J. Burnel, 1979)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Vulgar display of Powell
Il terribile disastro
La droga no
Voilà mon greenpass

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi