Home > ALTRI SGUARDI > L’EVENTO
Il Drone Show nel cielo sopra Ferrara. E con Tryeco 2.0 vola l’artigianato estense in 3D

L’EVENTO
Il Drone Show nel cielo sopra Ferrara. E con Tryeco 2.0 vola l’artigianato estense in 3D

grisù-tryeco-2.0-droni-drone-show-fiera-ferrara-stampa-laser-3d-scannerizzazione
Shares

Questo fine settimana la Fiera di Ferrara dedicherà due giorni ad uno degli oggetti più ambiti del momento: il drone. Il 28 e 29 marzo si tiene infatti Drone Show, non solo un’esposizione di una grande varietà di modelli, ma anche incontri, per approfondire la normativa italiana, i tanti impieghi del drone e per incontrare il gotha del settore. Dalle start up come la ferrarese Innova, ai guru come Chris Anderson, CEO dell’americana 3D Robotics.

Parallelamente al Drone Show, si terrà anche Tecnoelettronica, uno spazio espositivo dove terranno banco alcuni nuovi sistemi operativi, la piattaforma elettronica “Arduino”, le stampanti 3D (area makers), le illuminazioni led e i dispositivi per il risparmio energetico, la robotica e le tecnologie di uso quotidiano più all’avanguardia. Sezione speciale di Tecnoelettronica è “Game Challenge”, dove i videogiocatori potranno sfidarsi in tornei online di varie piattaforme, mentre nell’area dedicata ai “retro games”, cimeli pressoché introvabili saranno al centro di vivaci contrattazioni tra gli amanti del vintage.

Aspettando questo evento, abbiamo incontrato un’azienda ferrarese che opera a cavallo tra il settore dell’elettronica e quello dei droni e che per questo sarà a pieno titolo in fiera: la Tryeco 2.0.

Nata nel 2005 da cinque architetti usciti dalla Facoltà ferrarese, si colloca fisicamente nello Spazio Grisù (l’ex caserma dei pompieri ora factory creativa) e idealmente nel futuro. Ormai dieci anni fa con grande lungimiranza, questi ragazzi, provenienti dai vari angoli della provincia, si sono uniti attorno ad un core business allora unico in Italia: scansione laser e stampa 3D.

“La nostra intuizione è stata trasferire tecnologie già esistenti – spiega Roberto Meschini, uno dei soci – prima utilizzate solo in campo industriale e meccanico, ad altri settori come quello dei beni culturali”.

“Siamo stati i primi – prosegue Matteo Fabbri – ad unire il procedimento di scansione laser a quello di stampa 3D, e a sperimentarlo per esempio per riprodurre statue di cui non è più possibile fare il calco per non rovinarle”.

Mostrano un altorilievo di un marmo dell’Antonino Pio conservato a Casa Romei, e una testa di Matidia Minore commissionata dalla Sovrintendenza per i beni archeologici del Lazio per sostituire l’originale, in prestito al British Museum.
Chiedo se ci sono limiti alle cose che è possibile scansionare e riprodurre. Mi dicono di no, che per esempio hanno riprodotto per il MEIS (il Museo nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah di Ferrara) il modello in 3D del ghetto ebraico come appare nella mappa del Bolzoni del ‘600.
O ancora è loro la statua della dea Athor esposta in una piazza di Torino per il rilancio del museo egizio.

“Non ci sono limiti – conferma Meschini – ma bisogna individuare la tecnologia adatta, altrimenti ci sono delle spese inutili. Le tre cose da capire quando si vuole affrontare un progetto sono: quanto si ha da spendere, che effetto si vuole ottenere, e qual è il target. Noi ora siamo in grado non solo di realizzare il prodotto, ma anche di offrire questa consulenza. Noi amiamo definirci sarti digitali”.

“Per essere aggiornati sulle tecnologie – aggiunge Fabbri – stiamo collaborando con un’altra azienda di Spazio Grisù, la Innova, sono i nostri dirimpettai. Loro si occupano proprio di progettare i droni, e noi li aiutiamo ad analizzare i dati e ad ottimizzarli. Per esempio abbiamo spostato la telecamera da sotto a sopra per riprendere meglio le volte delle chiese, come quella di San Paolo, di cui abbiamo analizzato lo stato di degrado”.

Al Drone Show presso lo stand Tryeco 2.0 sarà possibile far scansionare il proprio corpo, e se si vuole, a pagamento, si riceve a casa il proprio mini-me.
“Abbiamo lanciato il selfie 3D – scherza Meschini – abbiamo anche depositato il marchio commerciale per i pupazzetti delle caricature delle squadre sportive”.

Fantasia, intuito, lungimiranza, competenza e collaborazione. Sembrano essere queste le caratteristiche grazie alle quali, anche una piccola azienda ferrarese può puntare al mondo.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
La passata di pomodoro
RIAPERTURE
Francesco Zizola: Ecco perché posso fare foto buone, non belle
RIAPERTURE
Parla Letizia Battaglia, fotografa combattente
ELOGIO DEL PRESENTE
Il lavoro che non c’è più

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi